Borse mondiali in forte rialzo al rallentare della curva dei contagi di coronavirus

Resta ancora alta la tensione sul fronte Covid-19, ma gli indici azionari sono positivi e guardano all’Eurogruppo di domani. Intanto, torna a cedere il prezzo del petrolio

Le buone notizie sul fronte coronavirus hanno provocato un’accelerazione sulle Borse europee e, in generale, su quelle mondiali. Soprattutto in Europa scende infatti la percentuale dei nuovi contagiati: con 525 casi in una sola giornata, ieri l’Italia ha osservato il numero più basso delle ultime due settimane di nuovi contagi (dall’inizio dell’emergenza le vittime ammontano a 15.887, su circa 129 mila contagi), mentre la Francia ha riportato il numero di vittime più basso dell’ultima settimana e anche dalla Spagna arrivano notizie relativamente positive (ieri il numero totale delle vittime è stato di 674, il più basso da tre giorni).

Cosa è successo sulle Borse asiatiche?

Il Covid-19 non sembra dare segno di una rapida ritirata in Asia, dove si è sviluppato il focolaio, a fine 2019. Mentre la Cina annuncia 78 nuovi casi di ritorno, asintomatici, tra oggi e domani in Giappone il premier Shinzo Abe dovrebbe convocare lo stato di emergenza nel tentativo di fermare i nuovi casi in tutto il paese – nella sola capitale Tokyo si contano oltre mille casi, mentre in tutto il paese se ne contano oltre 3.500 e circa 80 vittime. Nel frattempo, Singapore ha annunciato nuovi stimoli fiscali da 5,1 miliardi di dollari di Singapore (circa 3,6 miliardi di dollari statunitensi) a supporto dell’economia per fronteggiare le ricadute del virus su imprese e famiglie.

Eppure gli indici di Borsa in chiusura hanno segnato risultati particolarmente positivi: proprio in Giappone il Nikkei ha guadagnato il 4,24%, mentre il più ampio indice Topix ha chiuso in rialzo del 3,86%.

In Corea del Nord il Kospi ha chiuso a +3,85%, mentre Hong Kong ha segnato un rialzo del 2,05% sull’Hang Seng. Le Borse cinesi sono chiuse oggi per festività.

Cosa è successo negli Usa nelle ultime ore?

Largamente postivi anche i futures statunitensi, che trainano al rialzo il resto degli indici globali. Permangono le preoccupazioni per l’espandersi del coronavirus: negli Stati Uniti il totale dei contagiati è salito a 336,.851, mentre le vittime del virus sono 9.620. Rispetto all’Europa, il virus sta esplodendo ora negli Usa, che stanno fronteggiando in questi giorni la fase più critica della pandemia. Eppure, i buoni dati in arrivo dal Vecchio Continente hanno infuso un cauto ottimismo anche su Wall Street, provocando un rialzo dei futures.

A far da padrone nelle ultime ore, d’altra parte, è anche e soprattutto il prezzo del petrolio. Il vertice tra Russia e Arabia Saudita, previsto per oggi, in cui i due paesi produttori di petrolio (rispettivamente, il terzo e il secondo) avrebbero dovuto cercare un accordo sul regolamento della produzione di greggio, è slittato a giovedì, provocando una contrazione del prezzo del petrolio nella notte.

Durante l’incontro, su cui già gravita una certa dose di ottimismo, Mosca e Riad dovrebbero riuscire ad accordarsi per ridurre la produzione di greggio. Dopo il fallimento dell’ultima riunione dell’Opec+, a inizio marzo, le due potenze hanno infatti iniziato una guerra dei prezzi al ribasso, aumentato a dismisura la produzione e provocando il crollo del prezzo del greggio fino a due terzi del suo valore.

La settimana scorsa, dopo l’entrata in scena del presidente Usa Donald Trump (che ha auspicato la riduzione fino a 15 milioni di barili al giorno), il barile è schizzato di oltre il 25%, tornando intorno a quota 30 dollari/b. Dopo la contrazione delle ultime ore, in cui il petrolio ha perso circa l’1%, attualmente viaggia a 29,55 dollari/b (il Wti) e 33,94 dollari/B (il Brent).

Quali sono stati i risvolti sugli indici di Borsa europei?

A trainare al rialzo gli indici europei sono stati per lo più i numeri, relativamente positivi, sull’andamento della pandemia di COvid-19. L’allentamento delle misure è ancora lontano, ma intanto si lavora per salvare l’economia dal collasso: domani è previsto l’incontro dell’Eurogruppo, all’interno del quale Francia e Italia torneranno a premere per la creazione di Eurobond.

In apertura, i principali indici europei presentano tutti valori sopra la parità: Parigi segna un rialzo del 3,12%, Francoforte +3,78%, Londra +1,92%, Madrid +2,40% e, infine, Milano viaggia a +2,96%.

Fai trading sugli indici e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000.

  • Spread competitivi: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.