Market Update - Dax sprofonda, Italia attende la bocciatura

Borse mondiali sotto pressione in scia alle maggiori incertezze globali.

BG_ftse_ukx_stock_markets_indices

Proseguono in deciso calo le borse europee questa mattina in scia al sell off che ha caratterizzato l'Asia nella notte e Wall Street ieri sera.
Il sentiment appare piuttosto depresso e condizionato da una serie di fattori, come l'incertezza sulla Brexit, la situazione italiana, l'instabilità in Arabia Saudita e, infine, i timori sulla crescita in vista delle trimestrali tech Usa.
Tutti elementi questi che giustificano al momento una correzione degli indici statunitensi e accentuano le vendite in un'Europa sempre più in difficoltà.

A tal proposito, oggi l'attenzione rimane rivolta sull'Italia in vista della bocciatura della legge di bilancio da parte della Commissione Ue dopo la lettera di risposta di ieri del ministro Tria.
Sebbene i toni appaiono più concilianti, la trattativa sarà lunga e non priva di ostacoli. Le pressioni sulla carta italiana rimangono alte e questo potrebbe portare il governo a fare una marcia indietro se la situazione dovesse peggiorare.
Continuiamo a vedere lo spread verso i 400pb nelle prossime tre settimane, con fenomeni da fligh to quality che dovrebbero tenere ben comprato il Bund.

A poco servirà l'intervento di Draghi nella riunione di politica monetaria di giovedì.
Sebbene non si attendano variazioni all'attuale politica monetaria, Draghi potrebbe porre l'accento sull'aumento dei downside risk delle ultime settimane, lasciando aperta la porta a una normalizzazione della politica monetaria più lunga rispetto alle attese.

Sui mercati, la volatilità rimane alta, con il Vix che sosta sopra area 22%. Oggi Piazza Affari si difende meglio degli altri indici europei, con il Dax che inizia a scricchiolare pericolosamente, dopo la rottura di area 11.400 punti, dove passa anche la media mobile a 200 settimane.
Una chiusura settimanale sotto tale livello potrebbe far scattare vendite più importanti, tali da portare il calo dai massimi storici al 20%

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.