Prezzo del petrolio, nuovi massimi da inizio 2019. Opec, produzione ai minimi da 4 anni

Brent al test dei 70 dollari al barile, Wti sui massimi da cinque mesi. Migliora il sentiment sulla crescita economica (PMI cinese in primis) e sulle speranze di un accordo Usa-Cina. Cala la produzione di greggio a marzo.

Oil Fonte: Bloomberg

Brent al test dei 70 dollari al barile, crude Wti sui massimi da cinque mesi. Dopo quattro sedute consecutive in verde, il sentiment di mercato sul petrolio si conferma positivo.

Sul fronte della domanda, il riassorbirsi dei timori sul rallentamento economico mondiale (grazie anche alla ripresa del PMI cinese e all’attesa di ulteriori passi avanti sul fronte commerciale Stati Uniti - Cina) offrono un supporto alle quotazioni.

Produzione di petrolio: calo dell'offerta

A marzo, l'offerta di petrolio da parte dell'Organizzazione dei principali Paesi produttori ha toccato un nuovo minimo da quattro anni (280 mila barili al giorno in meno), mentre le sanzioni alla produzione su Iran e Venezuela hanno contribuito ad abbassare i livelli di output complessivo sul mercato.

La produzione di petrolio della Russia, che ha aderito al progetto di tagli dell’Opec per sostenere il livello dei prezzi, è scesa a 11,3 milioni di barili al giorno lo scorso mese, mancando di poco l'obiettivo del Paese sotto l'accordo.

Domanda di petrolio: Iran fanalino di coda

Dall’Iran giunge inoltre la notizia che tre degli otto Paesi cui erano state concesse deroghe dagli Stati Uniti sull’import di petrolio (Cina, India, Turchia, Giappone, Corea del Sud, Emirati Arabi, Grecia e Italia) hanno ridotto a zero gli acquisti di greggio da Teheran, un trend che potrebbe diffondersi tra gli altri cinque alla luce del miglioramento delle condizioni del mercato petrolifero globale.

Controcorrente, invece, la rilevazione sulle scorte di greggio americane, aumentate inaspettatamente la scorsa settimana ben oltre le attese.

Stati Uniti, primi esportatori di petrolio

Intanto, il vicepresidente Mike Pence ha confermato che gli Stati Uniti continueranno a fare pressioni (giocando la carta delle nuove sanzioni) sull'industria petrolifera venezuelana e su coloro che la sosterranno, ritenendo al momento i prezzi del petrolio ancora abbastanza bassi da consentire tali misure.

La produzione Usa ad oggi si conferma come la più consistente al mondo, con circa 11,87 milioni di barili di output al giorno, in calo però di 90 mila barili rispetto al top di dicembre 2018.

Saudi Aramco: prezzo del petrolio al barile? $2,80

A distanza di qualche giorno dall’ottenimento del primo rating sul credito, Saudi Aramco ha dichiarato di poter produrre petrolio a $2,80 al barile. I dati sono contenuti nel prospetto per l'imminente lancio dell’obbligazione denominata in dollari di Aramco, che ha anche rivelato i profitti del colosso statale saudita, pari a $111 miliardi l'anno, l’azienda più redditizia al mondo.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.