Guerra dazi Usa-Cina: colloqui in settimana, giù i mercati asiatici

Il vice premier Liu He smorza l’ottimismo di Trump e nega cambiamenti radicali nella politica industriale di Pechino

Prevista per giovedì la partenza di un nuovo round di colloqui commerciali tra Cina e Stati Uniti, il tredicesimo dall’inizio della guerra dei dazi, 15 mesi fa. Il vice premier cinese Liu He, il rappresentante commerciale statunitense Robert Lighthizer e il segretario del tesoro usa Steven Mnuchin si incontreranno a Washington giovedì e venerdì.

Permangono i dubbi sull’esito degli incontri: secondo gli analisti dell’Eurasia Group, vi sono il 40% delle probabilità che venga raggiunto un accordo ad interim (Trump decide di ritardare l’entrata in vigore di aumenti delle tariffe e approvare una serie di licenze pendenti per i fornitori statunitensi di Huawei in cambio di acquisti da parte della Cina di prodotti agricoli statunitensi), e il 60% che Trump decida di posporre eventuali rialzi delle tariffe doganali sull’export cinese - al momento è previsto un aumento del 30% il 15 ottobre.

Quali rischi per l’accordo?

Dubbi resi ancora più profondi dalle dichiarazioni del vice premier cinese, Liu He, il quale ha dichiarato ieri che la Cina non sarà disposta a negoziare un cambiamento della propria politica industriale e una rimodulazione dei sussidi statali – esattamente ciò che invece chiede il presidente statunitense Donald Trump.

Non gioca a favore degli Stati Uniti neanche la minaccia, avanzata nei giorni scorsi, di frenare gli investimenti statunitensi, all’indomani del blocco di alcune aziende cinesi dai listini Usa. Sostanzialmente irrilevante invece il procedimento di impeachment aperto dai democratici nei confronti di Donald Trump, accusato di pressioni indebite sul presidente ucraino Volodymyr Zelensky per avviare indagini su un’azienda per l’estrazione di gas del cui board fa parte il figlio di Joe Biden, il candidato democratico alle presidenziali 2020.

L’ottimismo di Donald Trump

Al contrario, Trump ha dovuto pubblicamente smentire un collegamento tra un eventuale buon esito delle trattative commerciali di questa settimana e la richiesta rivolta a Pechino di investigare su Biden– domanda avanzata per gli stessi identici motivi di quella rivolta all’Ucraina: accuse di corruzione nei confronti di Hunter Biden, il figlio del candidato dem, che il padre avrebbe protetto.

“Ci sono probabilità davvero buone” di raggiungere un accordo con la Cina, ha dichiarato Trump venerdì scorso, aggiungendo, a proposito della richiesta di investigare su Biden, che “la cosa non ha a che fare con l’altra”. “Voglio raggiungere un accordo che sia conveniente per il nostro paese”, ha aggiunto Trump.

Come si presentano i mercati?

D’altra parte, le notizie della settimana scorsa sull’economia statunitense non lasciano indifferenti. I dati sui Non Farm Payroll relativi a settembre pubblicati venerdì scorso, quelli sull’indice ISM sul settore terziario e quelli sul manifatturiero non hanno di certo aiutato. In realtà venerdì sera Wall Street aveva chiuso in positivo, a +0,75%, grazie ai buoni dati sulla disoccupazione (mai così bassa da cinquant’anni).

Ha chiuso poco mosso il Nikkei (Japan 225 Future) mentre le borse cinesi erano chiuse per la celebrazione della festa dei 70 anni della repubblica popolare cinese. L’andamento dei colloqui commerciali fa dunque da padrone sulla scena finanziaria, soprattutto in considerazione della decisa posizione della Cina.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading su principali indici globali.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.