Giappone: tassi negativi, sale lo yen su timori di mercato. Nikkei: -14% da inizio 2018

BoJ lascia il livello dei tassi a -0,10%; inalterato l'obiettivo di rendimento dei titoli di Stato decennali allo 0,0%. Obiettivo della banca il target d’inflazione al 2% (ora all'1,4%). Kuroda conferma inoltre il piano d'espansione monetaria da 80.000 miliardi di yen l'anno. L'indice Nikkei cala; USD/JPY cala in area 111,70.

Nikkei
Fonte: Bloomberg

La Banca centrale del Giappone ha tenuto fede alla propria politica monetaria, confermando un livello dei tassi d’interesse a -0,10% e mantenendo inalterato l'obiettivo di rendimento dei titoli di Stato decennali allo 0,0%. Obiettivo della BoJ resta il raggiungimento di un target d’inflazione ad un tasso annualizzato al 2%, un livello che manca dall’inizio del 2015. Attualmente il livello dei prezzi in Giappone si muove in area 1,4%. Il board dell'istituto presieduto da Haruhiko Kuroda ha inoltre proseguito col piano aggressivo d'espansione della base monetaria da 80.000 miliardi di yen l'anno (627 miliardi di euro al cambio attuale) che agisce sul mercato dall’ottobre 2014.

La linea morbida perseguita dall’autorità nipponica è risultata fortemente in contrasto con la guidance rigida della Fed, che ha disposto ieri il quarto rialzo dei tassi in un anno, confermando ulteriori aumenti per il prossimo biennio (seppur ad un ritmo più moderato, in relazione alle rilevazioni economiche future). Le parole di Jerome Powell, che ha lasciato aperta la via del ricalcolo, è stata recepita dal mercato come soluzione non abbastanza accomodante, cosa che ha riattivato il timore di una contrazione economica più celere delle attese, allontanando gli operatori dalle posizioni long sull’azionario.

L’indice di Tokyo ha perso giovedì oltre due punti percentuali, registrando una variazione negativa rispetto ai livelli d’inizio anno pari al -14%. Lo yen, salito marginalmente all’annuncio della Fed, ha invece accelerato, recuperando terreno contro dollaro per circa mezzo punto percentuale. Storicamente incluso tra gli asset riserva di valore, lo yen ha toccato in mattinata livelli prossimi a quelli di fine ottobre.

Tornato al di sotto del livello a 112, il cambio USD/JPY ha bucato il margine inferiore del canale rialzista in atto da inizio giugno. Superato il supporto in area 111,80, lo step successivo è rappresentato dal minimo di ottobre in area 111,40, seguito da quota 111,00.

Se i tori del mercato del dollaro decidessero di difendere il trend rialzista che sostiene il biglietto verde dalla seconda metà di marzo, la coppia USD/JPY potrebbe tornare a puntare al livello di 112,50. Qualora le paure di un rallentamento economico continuassero però ad acuirsi con l’arrivo del nuovo anno, il movimento potrebbe però proseguire nell’attuale direzione.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.