Dal calo della sterlina alla produzione di BMW: le dinamiche dietro alla Brexit

Dopo Airbus, anche BMW pronta a spostare la produzione di Mini fuori dal Regno Unito senza maggior chiarezza sul post-Brexit. Toyota dello stesso parere. Cala la sterlina, giù GBP/USD. Poche novità da Bruxelles.

Fonte: Bloomberg

BMW sollecita chiarezza al Regno Unito e minaccia lo stop alla produzione di auto Mini prima della fine dell'estate. Un appello, quello della casa automobilistica tedesca, condiviso anche dalla nipponica Toyota, che fa seguito all’alert lanciato la scorsa settimana da Airbus, pronta a ritirarsi del tutto dalla Gran Bretagna.

Il timore? Il post Brexit.

Effetto Brexit: produzione BMW verso la exit dal Regno Unito

BMW, produttore delle iconiche Mini e Rolls Royce, ha invitato il governo britannico a dichiarare la propria posizione nei confronti dell’Unione europea su commercio e dogane una volta fuori dal blocco. La compagnia si è fissata un limite di tempo di due mesi prima di iniziare a pensare ad un “piano di emergenza” che contemplerà il trasferimento della produzione verso altri lidi.

Tutto dipenderà, hanno riferito da BMW, dalla qualità della Brexit e da quali priorità fisserà il governo: con una accordo “hard” le aziende britanniche si troveranno a pagare tariffe maggiori per fare affari con l’Ue, e vice versa; un accordo “soft” potrebbe invece comportare vie alternative di accesso al mercato unico e all'unione doganale. BMW impiega circa 8.000 persone nel Regno Unito.

La voce di BMW si accora a quella di Airbus, azienda aerospaziale tedesca che ha definito “catastrofico” uno scenario di uscita senza accordo. Il gruppo ha attualmente nel Regno Unito il proprio maggior centro tecnologico spaziale nel paese. Airbus impiega quasi 15.000 dipendenti presso le sue strutture britanniche.

Brexit news: GBP/USD in calo. Pochi entusiasmi da Bruxelles

Cala invece la sterlina, in fase di stand by in attesa del voto del prossimo 12 marzo. L’attenzione intanto si sposta sull’incontro di Bruxelles tra il negoziatore Ue per la Brexit, Michel Barnier, ed una delegazione inglese. I tecnici, che avrebbero provato a definire i dettagli dell’accordo che porterà al divorzio tra UK ed Ue, non sarebbero giunti oggi ad alcuna conclusione.

Le pressioni sulla sterlina si sono registrate soprattutto contro dollaro, con la coppia GBP/USD in calo di oltre mezzo punto percentuale (fino ad un minimo di giornata a 1,3100) grazie anche alla forza del biglietto verde, rinvigorito da un indice ISM non manifatturiero in fase espansiva ed oltre le attese. Debolezza del pound anche contro euro: il cambio EUR/GBP ha perso nel pomeriggio parte del vigore mostrato in mattinata, con un rialzo dello 0,5% ribilanciatosi poi a +0,10-0,15% (0,8615).

Focus Brexit: nodo backstop d’Irlanda e proroga termini

Dal canto suo, l’Unione europea si è detta pronta a fornire ulteriori garanzie alla Gran Bretagna per raggiungere la soluzione meno penalizzante per ambo le economie, appoggiando una eventuale dilazione dei termini oltre il 29 marzo. Il Regno Unito dovrebbe votare a proposito il prossimo 14 marzo.

Tra le questioni più discusse e dibattute, si annovera ancora quella del backstop d’Irlanda, la clausola che contempla l’apertura del confine Irlandese e che permetterà all’Irlanda del Nord di continuare a far parte dell’Unione doganale anche dopo l’uscita del Regno Unito dall’Ue. L’Unione potrebbe valutare di fornire ulteriori garanzie sulla natura al momento temporanea del backstop.

Si ricordi che alla corona inglese era già stato accordato un periodo di transizione post-Brexit fino al dicembre 2020 per cercare di creare un nuovo equilibrio economico e commerciale con gli altri 27 Stati del blocco europeo.

Emmanuel Macron: un manifesto europeo anti Brexit

Tra le note più di colore, il presidente francese, Emmanuel Macron, si è rivolto all’Europa con un manifesto europeo, chiedendo un rinascimento dell'Unione in vista delle elezioni europee del prossimo maggio. Macron ha proposto una serie di riforme, avvertendo i cittadini che "mai, dalla seconda guerra mondiale, l'Europa è stata essenziale” ma che “mai è stata così pericolosa”.

"La Brexit” ha aggiunto Macron, “è il simbolo di ciò: rappresenta la crisi dell'Europa, che non è stata in grado di rispondere al bisogno di protezione dei suoi popoli dai principali shock del mondo moderno e che simboleggia la trappola europea, dell'Unione europea”.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.