Tod's in forte calo. Berenberg taglia il rating alle big del lusso. Giù il prezzo target di Moncler

Revisioni a ribasso sul settore lusso. Azioni Tod's: prezzo obiettivo a ribasso. Giù anche Burberry e Prada. Confermato il giudizio hold per Ferragamo; buy per Hugo Boss, Brunello Cucinelli e Moncler.

Fashion
Fonte: Bloomberg

Giornata di ribassi per il titolo Tod's, che si lascia indietro a Piazza Affari oltre il 4% della propria capitalizzazione. A pesare sulle azioni della casa modaiola è stata la revisione sul merito societario resa nota in mattinata da Berenberg, che nel proprio report sul settore lusso ha tagliato il rating da hold (mantenere) a sell (vendere). A ribasso anche il prezzo obiettivo, passato da 51 a 36 euro per azione.

Il peggioramento delle prospettive future per l’azienda e per il comparto si lega a rischi più elevati che la crescita organica del settore registri una battura d’arresto, con un rallentamento da ascriversi anzitutto al calo della domanda cinese. La situazione, si apprende tuttavia dal report, resta però strutturalmente migliore rispetto al 2012, quando la campagna anticorruzione portata avanti da Pechino che portò a una frenata degli acquisti da parte della Cina.

Secondo le attese degli analisti, nel quarto trimestre Tod's dovrebbe registrare il proprio 22esimo trimestre consecutivo di vendite omogenee. A pesare positivamente sul business societario le diverse iniziative volte ad avvicinare e fidelizzare la clientela retail che tuttavia, sul breve termine, difficilmente avranno impatto significativo sui ricavi. Si teme invece il peso che avranno gli investimenti sulla redditività.

La scure del downgrade non si è abbattuta sulla sola Tod’s: a risentire di un taglio delle previsioni future sono state anche Burberry e Prada, rispettivamente passate da un’indicazione di acquisto ad una di mantenimento.

Confermato invece il giudizio hold su Ferragamo, con target price a 18 euro per azione; il titolo perde però nel pomeriggio lo 0,75%, a 17,85 euro per azione. Bene Hugo Boss, Brunello Cucinelli e Moncler, che hanno beneficiato di una conferma di operatività in acquisto. Su Moncler è stato tuttavia limato il prezzo obiettivo, passato da 37 a 36 euro: il titolo perde oggi poco meno di due punti percentuali, a 30,75 euro per azione.

Secondo Berenberg, l’attività di M&A nel 2019 si colorerà di nuove operazioni: Kering e Lvmh, naturali predatori delle migliori occasioni di mercato, sono tra gli osservati speciali. Ambedue i titoli quotano oggi in territorio negativo (rispettivamente a -3% e -1,3% circa), in scia ad un dato sui prezzi al consumo cinesi nuovamente in fase di rallentamento (seppur crescenti) e ad un allentamento delle tensioni commerciali, che tuttavia ancora non si è ancora tradotto in un accordo effettivo.

Situazione inversa per Tod’s, rinfrancata dalla recente dichiarazione del suo fondatore, Diego Della Valle, di comprare il 5% del capitale societario, ma che non esclude la possibilità di una cessione di alcune firme (tra cui Hogan) per sostenere gli investimenti per il rilancio del gruppo.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.