Week Ahead: 5 – 9 Novembre. Mercati tra due fuochi: Mid Term e Fed

Gli investitori monitoreranno questi due appuntamenti chiave insieme ai dati macro tedeschi e cinesi.

vote-for-IG-image

Sarà una settimana piuttosto importante per i mercati reduci da un ottava in marcato recupero dopo il tonfo di ottobre. Gli investitori monitoreranno da vicino l'esito delle elezioni Mid Term negli Usa, che si terranno martedì prossimo. Trump rischia di perdere la maggioranza alla Camera (anatra zoppa, lame duck), dove saranno eletti tutti i suoi membri (435), mentre al Senato verranno eletti solo un terzo di questi. Se la Camera dovesse passare in mano ai Democratici, il processo legislativo potrebbe subire rallentamenti e anche le leggi attualmente in discussione potrebbero essere riviste.

Non solo politica. Gli investitori guarderanno anche il comunicato di politica monetaria della Federal Reserve, che per l'occasione sarà rilasciato giovedì sera. Non sono attese modifiche all'attuale politica monetaria, ma sarà monitorato da vicino il linguaggio per carpire cosa pensa della Fed del recente balzo dei salari di ottobre. Ormai dato per scontato il rialzo dei tassi a dicembre, gli operatori si concentrano sul 2019, con le pressioni della Fed per i ritocchi dei tassi che non si intonano bene con l'outlook dell'economia globale.

In Europa si intensificherà il flusso di trimestrali, con le banche italiane sotto osservazione. Grande attenzione sarà riservata ai dati tedeschi sulla produzione e gli ordinativi industriali di settembre, oltre che agli indici PMI. Dalla Cina sono attesi i dati sulla bilancia commerciale e l'inflazione di ottobre, che potrebbero iniziare a risentire della guerra commerciale con gli Usa.

Infine, non sarà distolta l'attenzione sull'Italia man mano che si avvicina il termine ultimo per presentare la legge di bilancio alla Commissione europea.

Lunedì 5 Novembre

PMI servizi ottobre, USA

ISM servizi ottobre, USA

Trimestrale di Ferrari e Italgas

Martedì 6 Novembre

Decisione di politica monetaria della Reserve Bank of Australia (RBA), Australia

Ordini all’industria settembre, Germania

PMI servizi ottobre, Eurozona

Prezzi alla produzione settembre, Eurozona

Trimestrali di Axa, Banca Generali, Campari, Enel, FinecoBank e Intesa SanPaolo

Mid Term Election, USA

Mercoledì 7 Novembre

Produzione industriale settembre, Germania

Vendite al dettaglio settembre, Eurozona

Scorte settimanali di petrolio, USA

Trimestrale di Adidas, BMW, Banco BPM, Buzzi Unicem, CNH Industrial, Credit Agricole, Poste Italiane, Tod’s, Unicredit

Decisione di politica monetaria della Reserve Bank of New Zealand (RBNZ), Nuova Zelanda

Giovedì 8 Novembre

Ordini macchinari settembre, Giappone

Bilancia commerciale ottobre, Cina

Bilancia commerciale settembre, Germania

Nuove richieste settimanali sussidi disoccupazione, USA

Decisione di politica monetaria della Federal Reserve (FED), USA

Trimestrali di Autogrill, Azimut, BPER Banca, Commerzbank, Continental, Brembo, Generali, Leonardo, Ferragamo, Societe Generale, Telecom Italia, Unipol

Venerdì 9 Novembre

Tasso inflazione ottobre, Cina

PIL 3T seconda lettura, UK

Prezzi alla produzione ottobre, USA

Discorso di John Williams, governatore della Federal Reserve di San Francisco (votante)

Fiducia dei consumatori Univ. Michigan prel. novembre, USA

Trivelle settimanali attive Baker Hughes, USA

Trimestrali di Allianz, Atlantia e Exor

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.