Powell (Fed) colomba sul rialzo tassi Usa. Wall Street positiva

Jerome Powell più cauto sull'aumento del costo del denaro. Positivi i listini americani, mentre cala il rendimento dei Treasury. Il mercato si domanda cosa abbia influito sulle decisioni della Fed (che si riunirà il prossimo 18-19 dicembre): minacce di Trump? Crollo del petrolio? Tensioni commerciali? Crescita economica a rischio?

Fed Usa
Fonte Bloomberg

Powell più morbido in materia di politica monetaria, con il benestare di President Trump. Il processo di rialzo dei tassi d’interesse proseguirà nei mesi a venire, ma ad un passo più lento di quanto stimato (e temuto). La rinnovata positività della piazza finanziaria ha fatto tornare l’appetito per il rischio degli operatori, che hanno spinto a rialzo i listini americani: nella serata di mercoledì l’indice Nasdaq ha chiuso oltre i 3 punti percentuali; bene anche Dow Jones e S&P 500, in crescita del 2,5%.

A calare è stato invece il dollaro (tornato in parità a metà mattina), mentre oro e Treasury a dieci anni hanno recuperato terreno.

Quali forze possono determinare le future condizioni di mercato?

Da un lato vi è la guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti che, con Xi Jinping e Donald Trump in prima fila al G20 di Buenos Aires (30 novembre – 1 dicembre), dovrebbe far capire quale piega prenderà nelle prossime giornate.

Dall’altro, le dinamiche del petrolio ed il ruolo che Arabia Saudita, Russia ed Usa ricopriranno nelle scelte di produzione complessiva. Con il greggio che ha perso oltre un terzo del proprio valore da inizio ottobre, ulteriori sviluppi si avranno dopo la riunione Opec del 6 dicembre, quando i principali produttori si riuniranno per deliberare eventuali tagli. Un prezzo del crude più basso diminuisce le aspettative di crescita d’inflazione, il cui rialzo è generalmente controbilanciato dall’incremento dei tassi di interesse.

Da ultimo, l’atteggiamento più colomba di Powell potrebbe originare dalle continue ed incalzanti critiche del presidente americano che, contrario a politiche che possano togliere spunti di crescita economica a stelle e strisce, ha più volte contestato l'azione eccessivamente stringente perseguita dalla Fed.

Secondo Powell, nonostante vi siano "molti fattori positivi" sulle prospettive degli Stati Uniti, il rialzo del costo del denaro ad opera della Fed è inteso a bilanciare i rischi nel tentativo di mantenere l'economia sulla giusta rotta e sarà quindi condotto in maniera graduale.

"Sappiamo che le cose spesso si rivelano molto diverse anche dalle previsioni più attente", ha proseguito Powell, aggiungendo che il graduale ritmo di aumento dei tassi di interesse è stato “un esercizio di bilanciamento dei rischi".

"I tassi d'interesse” ha tuttavia chiosato il governatore della Fed, in risposta ai malumori manifestati da Trump, “sono ancora sotto gli standard storici e rimangono appena sotto il livello considerato neutro per l'economia, ovvero che non stimolano o rallentano la crescita economica".

Powell ha dunque terminato: "La mia personale valutazione è che, mentre in alcune aree i rischi sono sopra la norma, le vulnerabilità per la stabilità finanziaria generale sono ad un livello moderato".

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.