Huawei: arresto della figlia del fondatore su richiesta Usa. Timori su tregua commerciale

L’arresto di Meng Wanzhou per violazione delle sanzioni Usa all'Iran scuote i mercati. Borse Asia-Pacifico deboli. I mercati diffidano dell'annuncio di tregua commerciale deciso da Xi e trump nel corso del G20. Le ragioni del fermo della donna sono ancora incerte.

Huawei
Fonte Bloomberg

Nuovo colpo di scena nello scontro commerciale Cina-Usa. Sotto i riflettori, questa volta, è finita la figlia del fondatore del gigante tecnologico, Huawei, arrestata a Vancouver, Canada, e prossima all’estradizione negli Stati Uniti, con l’accusa di aver violato le sanzioni americane ai danni dell'Iran.

Huawei è oggi il secondo produttore mondiale di smartphone.

L’arresto di Meng Wanzhou ha scosso profondamente i mercati asiatici, che hanno concluso la giornata in territorio negativo. Hong Kong ha chiuso a -2,6%; Shanghai a -1,7%. Le ragioni precise dietro al fermo della donna, vicepresidente del Consiglio di amministrazione dell'azienda di Ren Zhengfei e direttore finanziario di Huawei Technologies Co Ltd, sono ancora ignote, e sollevano nuovi dubbi sulla tregua commerciale di 90 giorni annunciata nel corso del G20 dello scorso fine settimana tra i presidenti Donald Trump e Xi Jinping.

L'arresto e qualsiasi eventuale sanzione che ricadrà sull’universo Huawei potrebbe avere ripercussioni importanti sull’intera filiera produttiva di tecnologia smart. Già le azioni dei fornitori asiatici di Huawei, tra cui si annoverano i nomi di Qualcomm Inc ed Intel sono velocemente scese ieri, con ribassi superiori al 2%.

Secondo il portavoce del Dipartimento di giustizia canadese, un’udienza è stata fissata per venerdì. L’arresto sarebbe avvenuto sabato 1 dicembre, lo stesso giorno in cui, in chiusura di G20, Trump e Xi avevano pranzato assieme, disponendo le basi per la blasonata tregua.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.