Facebook shock, è la fine di un sogno rialzista?

Il fatturato aumenta del 42% a/a ma è inferiore alle attese degli addetti ai lavori e il titolo perde quasi il 25% nelle contrattazioni after hours

bg_facebook_1384538
Fonte: Bloomberg

Il colosso dei social network ha pubblicato i risultati del secondo trimestre evidenziando un fatturato in crescita del 42% a 13,2 miliardi di dollari, inferiore alle aspettative del consensus (13,4 miliardi di dollari).

Il rallentamento della crescita è inoltre confermato dalle dichiarazioni del CFO, David Wehner, che ha sottolineato che l’incremento dei ricavi mostrerà una frenata per tutto il secondo semestre del 2018 a causa dei forti investimenti fatti da Facebook in merito alla sicurezza e alla privacy.

Delusione anche per gli utenti attivi. I “daily active users” sono saliti a 1,47 miliardi di unità, sotto le aspettative fissate per 1,49 miliardi di unità. Risultati soprattutto deludenti in Europa e negli Stati Uniti dove la crescita degli utenti attivi è stata piatta.

Marc Zuckerberg ha cercato di porre l’attenzione non solo sul social network Facebook ma sulla crescita degli utenti delle altre app di proprietà (Instagram, Whatsapp e Messenger). Soprattutto Instagram con l’introduzione della Instagram TV potrebbe togliere quote di mercato al proprio competitor Youtube.

IGTV lanciata a fine giugno vuole sviluppare il successo di “Storie” proponendo la possibilità di creare canali per i video di lunga durata e che non scompaiono dopo 24 ore. Riteniamo che nel mercato competitivo dei social l’idea dei creativi di Facebook/Instagram possa anche essere vincente.

Osservando il grafico di Facebook il 2018 resta ancora un anno positivo ma abbiamo assistito a forti dubbi sulla tenuta dell’impostazione rialzista. A marzo lo scandalo Cambridge Analytica ora il forte rallentamento della crescita a causa degli investimenti fatti per la GDPR. Il titolo nelle contrattazioni after hours è arrivato a perdere quasi 25 punti percentuali scendendo a 164 dollari, ora nella piattaforma IG quota a 179,40 dollari ovvero una flessione del 16%.

E’ la fine del sogno rialzista di Facebook?

Crediamo che non è ancora il momento di gettare la spugna. Sia per ragioni fondamentali sia per questioni tecniche. Riteniamo infatti che la concorrenza sia ancora troppo lontana per fare paura a Facebook. Twitter ha perso lo slancio degli scorsi anni e sembra solamente un timido avversario. Anche Instagram crediamo possa riuscire a farsi spazio tra Youtube e Snapchat. Maggiori problemi per le app di messaggi, messenger e whatsapp devono confrontarsi con una agguerita shiera di newcomers da telegram a discord, da line a wechat.

Dal punto di vista tecnico ribassi fino sui supporti in area 170 e 150 dollari lasciano ancora inalterate le prospettive rialziste di medio termine. Tuttavia sarà necessario ritornare il prima possibile sopra 190 dollari per allentare le tensioni ribassiste.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.