Huawei, accusa di frode finanziaria: crescono tensioni Washington-Pechino. Cina: repressione irragionevole

Stati Uniti: estradizione di Meng Wanzhou, CFO Huawei, per frode bancaria e telematica nell'aggirare sanzioni all'Iran. Torna il rischio guerra commerciale. 30-31 gennaio, vice premier Liu in visita da Trump.

Fonte: Bloomberg

Stati Uniti e Cina lontani dall’accordo, non solo sulla carta. Al centro delle tensioni, ancora una volta, Huawei, accusata di frode bancaria e telematica dal Dipartimento di Giustizia per aver aggirato le sanzioni all'Iran attraverso una società controllata. Il colosso delle apparecchiature cinese sarebbe inoltre colpevole di aver sottratto tecnologia alla statunitense, T-Mobile Us.

Non si è fatta attendere la risposta del ministero degli Esteri del Dragone, che ha esortato Washington a mettere fine ad una “irragionevole repressione delle nostre società”.

Ribadendo come Huawei rappresenti “una minaccia alla sicurezza nazionale” gli Stati Uniti hanno quindi richiesto l'estradizione di Meng Wanzhou, direttore finanziario e figlia del fondatore dell'azienda, arrestata a dicembre in Canada.

Una fine della guerra commerciale, al momento, sembra ben lontana.

Incontro Washington-Pechino: focus proprietà intellettuale

Mentre il mercato attende di conoscere l’esito della due giorni di discussioni tra Washington ed il vice premier cinese Liu (in visita negli Stati Uniti domani e dopo), la notizia di Huawei non fa ben sperare: nelle scorse settimane, l’America si è detta non disposta ad ascoltare proposte dalla controparte fino a che non saranno prese misure effettive circa il furto della proprietà intellettuale e del trasferimento forzoso di tecnologia.

Le complicate relazioni tra Usa e Cina hanno profondamente turbato i mercati globali e hanno tenuto gli investitori sulle spine. Le prove dell'impatto della guerra commerciale sulla crescita mondiale sono una delle ragioni per cui la Federal Reserve, nel meeting di domani sera, dovrebbe seguire una linea più moderata, dopo aver aumentato quattro volte il livello dei tassi nel 2018. Molti economisti, inclusi gli esperti del Fondo Monetario Internazionale, hanno tagliato le proprie previsioni di crescita globale quest'anno, citando la guerra commerciale come uno dei rischi galoppanti.

Guerra tecnologica: listini sotto pressione

Il rinnovo delle tensioni tra le due principali economie al mondo, che ha ormai assunto i toni della guerra per la leadership tecnologica, ha messo sotto pressione i listini: Hong Kong ha chiuso in calo dello 0,2%, Shanghai dello 0,15%, Singapore dello 0,3%, Taiwan dello 0,8%.

A livello tecnologico, questa settimana il mercato avrà più catalizzatori, con alcuni dei più grandi player del mercato a stelle e strisce che pubblicheranno i propri risultati dell’ultimo trimestre 2018. Tra questi, Apple, Facebook, Microsoft ed Amazon.

Il warning lanciato ieri dal produttore di chip e schede grafiche, Nvidia, relativamente ai ricavi del prossimo periodo ha portato a ribasso le quotazioni, ravvivando il rischio paralizzante di un indebolimento della domanda cinese.

La parola, ora, alle big tech e alla politica della Fed.

Trova un articolo

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sul forex

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sulle azioni

Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-


Scopri di più sugli indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.