Brexit news: il giorno di May in Parlamento. Come, cosa e quando sul voto di stasera

Alle 10, riunione di Theresa May col gabinetto. Alle 12:30, avvio dei lavori a Downing Street. Alle 13:45 il dibattito sulla Brexit. Dalle 20 il voto sugli emendamenti. Tra le 21 e le 22 (8pm-9pm) il voto definitivo. Cosa succede se vince il no?

Brexit
Fonte: Bloomberg

Oggi è il giorno della Brexit. O meglio, il giorno in cui il parlamento inglese deciderà se la Brexit scelta da Theresa May, in una versione definita “soft”, sia quel che il Regno Unito merita.

Dopo aver rinviato il voto alla Camera dei comuni (inizialmente fissato l’11 dicembre 2018) al fine di evitare un’umiliante sconfitta, Westminster (nella persona della premier May) saprà oggi quale sorte toccherà alla corona inglese.

Prima che i parlamentari si preparino a decidere se accettare o respingere il piano sulla Brexit, atteso attorno alle ore 21:00 di questa sera, vi sono diversi punti in agenda da sciogliere.

Voto sulla Brexit: i lavori della giornata

Anzitutto, Theresa May si riunirà col proprio gabinetto a partire dalle ore 10:00 circa (9am), per discutere delle questioni del giorno coi suoi ministri più anziani.

Tra le discussioni sul piatto, l’eventualità di un no-deal, il divorzio "senza accordo" dall'Unione, pluri dibattuto nelle ultime settimane e che ancora si figura oggi come la peggior soluzione per tutti.

Prima di votare l'accordo finale, i parlamentari saranno chiamati ad esprimersi su una serie di emendamenti. Non c’è un limite al numero massimo di emendamenti presentati: sarà lo Speaker John Bercow a scegliere quali esponenti potranno prender parte alla discussione.

I Comuni si siederanno quindi a Downing Street attorno alle 12:30 (11:30am).

Voto sulla Brexit: i lavori a Downing Street

Cercare di prevdere con esattezza quel che accadrà in parlamento è, al momento, quasi impossibile. Tra gli ordini del giorno in evidenza, ad attirare l’attenzione è la questione sanità (con una discussione di circa un'ora).

Il dibattito sulla Brexit dovrebbe quindi iniziare intorno alle 13:45 (12:45pm). I parlamentari, ad ora non ancora interpellati sul proprio voto, potranno illustrare in tale occasione le loro ragioni. Il dibattito si concluderà alle ore 20:00 (19:00pm), poco prima del voto definitivo.

L’ora esatta del voto dipenderà dal numero di emendamenti che verrà votato: complessivamente dovrebbero esser scelti sei pareri. Per ognuno di questi occorreranno circa 15 minuti, il che significa che il voto dovrebbe svolgersi a partire dalle 21:00 (20:00pm).

Su 639 membri del parlamento, l'accordo può passare con 320 voti favorevoli.

A votazione fatta, i parlamentari saliranno dai banchi verdi nella camera dei comuni ed usciranno in uno dei due corridoi, suddivisi in "aye" (collocato dalla parte ove siedono i membri del governo), per coloro che votano a favore dell’accordo, e "no" (collocato dalla parte dell’opposizione), per i contrari al piano. Il tutto durerà circa 15 minuti e darà modo di capire visivamente chi dei due schieramenti avrà vinto.

Voto Brexit: cosa succede in caso di vittoria

Se May riuscisse a vincere (il che implicherebbe l’aver convertito oltre 100 parlamentari conservatori) l’accordo sarà convertito in legge. Il Regno Unito lascerà quindi l’Unione europea in data 29 marzo, alle condizioni decise da May assieme a Bruxelles. La Gran bretagna avrà a disposizione un periodo di transizione fino a dicembre 2020 per regolare le questioni ancora irrisolte.

Voto Brexit: cosa succede in caso di sconfitta

In base ad un emendamento approvato la scorsa settimana, qualora l’accordo non passasse, May avrà tre giorni di tempo per presentare un piano B, che attualmente non sembra avere né forma, né sostanza. Considerata l’assenza dei deputati venerdì, la scadenza del termine cadrà il prossimo 21 gennaio.

In tale scenario, molto dipenderà dagli emendamenti presentati questa stasera che, tra le opzioni, dovrebbero includere l’eventualità di un secondo referendum (strada poco battuta), la rinegoziazione di un accordo con l'Unione (sebbene l’Unione si sia detta non disponibile a rinegoziare un nuovo accordo) e la fissazione di una data di scadenza per il backstop irlandese a dicembre 2021 (che prolunghi i termini per evitare situazioni sconvenienti sia per il Regno Unito che per l’Europa).

L'onorevole Jeremy Corbyn potrebbe inoltre coglier l’annuncio della sconfitta per chiedere un voto di "sfiducia" nei confronti del governo May per forzare i corsi e giungere anticipatamente ad elezioni generali.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.