Brexit, appello della Regina: "trovare un terreno comune". Mano tesa a Theresa May?

Mercati in attesa del voto dei Comuni di martedì 29 gennaio. Resta il nodo Irlanda. Germania rivede a ribasso le stime di Pil 2019: pesano rallentamento crescita globale e Brexit.

Fonte: Bloomberg

I britannici devono trovare un terreno comune, nonostante le differenze che li dividono e senza mai perdere di vista lo scenario d'insieme. Per far ciò sono necessari dialogo ed ascolto.

A sbilanciarsi in tali termini è stata la Regina Elisabetta in persona che, scesa in campo dal suo trono, è intervenuta in occasione del centenario dello Women's Institute (WI) di Sandringham. Nessun riferimento diretto è stato fatto alla Brexit, certo, ma le parole utilizzate dalla reale sembrano aver teso una mano nei confronti della premier britannica, Theresa May.

Brexit: martedì si rivota il piano in Parlamento

In attesa di martedì prossimo, quando le Camere si riuniranno per votare nuovamente il difficile accordo per l’uscita dall’Unione, i mercati cercano di profilare quali possibili vie di fuga si aprano all’orizzonte. Il nuovo voto non si baserà infatti sulle modifiche apportate al testo da Theresa May (sostanzialmente identico a quello bocciato dieci giorni fa), ma sarà incentrato su una maggior consapevolezza delle circostanze: l’uscita senza accordo dall’Unione resta una delle opzioni sul tavolo, la peggiore tra gli scenari possibili non solo per la Gran Bretagna, ma per ogni stato che con l’Inghilterra coltiva rapporti commerciali.

Ecco allora l’opposizione schierata a favore di un referendum bis, sulla quale però la premier si è più volte detta fermamente contraria; la possibilità di uno slittamento dell’articolo 50, che farebbe scattare in là il termine del 29 marzo, concedendo più tempo alle parti per formalizzare la propria posizione una volta fuori; la possibile riscrittura dell'accordo del 1998 per assicurare l'impegno del Regno Unito a mantenere aperto il confine irlandese, dopo che Bruxelles si è detta non disponibile a discutere nuovamente dei fondamenti dell’accordo raggiunto con May.

Brexit: fattore di rischio per Fmi, Bce e... Germania

Dopo esse stata citata, in ordine, dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca centrale europea come uno dei fattori più rischiosi dello scenario economico 2019, la Brexit torna a mietere un’altra vittima. Questa volta, non si tratta di un’azienda che programma la fuga dai confini inglesi, ma di un Paese, il locomotore europeo.

Secondo quanto riportato da Handelsblatt online, che ha citato fonti vicine al governo, l’esecutivo tedesco avrebbe abbassato le proprie stime di crescita 2019 al 1%, rispetto d una valutazioni iniziale fatta in autunno dell'1,8%. A motivare la scelta, il ridimensionamento delle previsioni di crescita economica mondiale e l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, con ciò che ne conseguirà a seconda dello scenario.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.