Eur/Gbp: da inizio anno ha evidenziato un ribasso di oltre 9 punti percentuali

Nuovi minimi degli ultimi sette anni e mezzo per il cambio euro/sterlina

bg_gbpeur_459575
Fonte Bloomberg

L'inizio del piano di quantitative easing da parte della BCE, le tensioni sulle trattative tra Grecia e Eurogruppo e i deludenti dati macroeconomici hanno indebolito notevolmente le quotazioni della moneta unica sui mercati valutari. 

Dal punto di vista macro è stato particolarmente scoraggiante il dato sulla produzione industriale italiana che ha evidenziato nel mese di gennaio una flessione dello 0,7% su base mensile e del 2,2% su base annuale. In forte ribasso le fabbricazioni di prodotti chimici e farmaceutici e la produzione di macchinari e attrezzature. Non solo l'Italia ha deluso. Anche in Spagna le vendite al dettaglio a gennaio hanno registrato una flessione dello 0,4%. 

Discorso diverso invece in Gran Bretagna dove il British Retail Consortium ha mostrato come nel mese di marzo le vendite al dettaglio abbiano evidenziato un incremento dell'1,7% su base annuale.

Graficamente il cambio è sceso fino a toccare un minimo a 0,7134, bottom da dicembre 2007. L'accelerazione della discesa ha portato i principali oscillatori di prezzo in una situazione di ipervenduto (oscillatore RSI a 14 giorni ben al di sotto dei 30 punti). Tale condizione potrebbe quindi suggerire nel breve a possibili rimbalzi. Reazioni fino a 0,7235 resterebbero, tuttavia, compatibili, con l'ipotesi di un ulteriore segmento ribassista in grado di attaccare gli obiettivi ipotizzabili a 0,69, minimi di ottobre 2007. Conferme per tali prospettive grafiche arriveranno con il cedimento di 0,71. Sopra 0,7235 timidi segnali di ripresa, preludio a un possibile allungo in direzione di 0,73 e 0,74. 

Trova articoli per analista

Trova un articolo

Queste informazioni sono state preparate da IG, un nome commerciale di IG Markets Limited. Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.