Week end trading sui mercati asiatici: stop al rally di Shanghai, in calo l’Hang Seng

Da lunedì, la Borsa di Shanghai ha osservato un rally che l’ha riportata ai massimi da cinque anni. Gli effetti hanno avuto vita breve sul resto degli indici asiatici, che chiudono la settimana in ribasso

Dalla fine di giugno la Borsa di Shanghai ha guadagnato il 16,5%, mettendo a segno rialzi per otto giorni consecutivi che l’hanno portata ai massimi da cinque anni.

Fino all’ultima sessione, quella di venerdì, in cui la Cina ha messo fine al rally rialzista chiudendo in calo: Shanghai ha perso l’1,95%, scendendo a 3.383 punti, Shenzhen ha lasciato sul terreno lo 0,61% a 13.671 punti e China A50 segna il ribasso più forte, un calo del 2,50%, a 15.824 punti.

La Cina si allinea così al resto delle Borse asiatiche che, al contrario, per tutta la settimana hanno lottato per mantenere i guadagni.

La settimana di Shanghai

D’altra parte, non è la prima volta che i mercati azionari cinesi iniziano a gonfiarsi – senza essere accompagnati da effettivi rialzi in termini di profitti. Era già successo nel 2007 e nel 2015 e secondo gli analisti, per quanto euforici, gli investitori oggi sembrano più consapevoli del rischio di un’implosione della bolla speculativa. D’altra parte dopo che, nel 2015, una fattispecie simile causò l’azzeramento di un valore pari a cinque miliardi di dollari, le autorità regolamentazione reagirono con una serie di provvedimenti restrittivi.

Oggi come allora, a spingere i rialzi sono stati soprattutto i media di stato, grazie all’apposita diffusione di notizie ottimistiche che hanno restituito agli investitori fiducia nella ripresa economica. A queste si aggiungono anche i dati macro della settimana, piuttosto favorevoli – l’inflazione di giugno in Cina è aumentata del 2,7% rispetto allo stesso periodo del 2019 -, per quanto i fondamentali economici non siano sufficienti a spiegare il rally sui mercati azionari. Ad aiutare l’appetito per gli investimenti contribuiscono anche condizioni monetarie più favorevoli, grazie alle nuove mosse di politica monetaria da parte della Banca centrale cinese.

Quali risvolti sul resto degli indici asiatici?

Non hanno reagito allo stesso modo il resto degli indici asiatici, su cui continua a gravare lo spettro di una seconda ondata della pandemia di Covid-19. Stamattina in Giappone il Nikkei ha chiuso in ribasso dell’1,06% mentre il Topix ha perso l’1,42%, 1.532 punti. Scende anche il Kospi coreano, in calo dello 0,81%, ma è soprattutto l’Hang Seng ad aver registrato i ribassi più forti: -1,84%, a 25.727 punti.

All’inizio della settimana la Borsa di Hong Kong non era andata esente dai rialzi di Shanghai, che si erano riflettuti in un guadagno del 4,28%. Eppure l’euforia non è durata, nonostante il traffico di investitori stranieri attirati dal trend in rialzo della Cina che è passato per Hong Kong.

Cos’è il week end trading?

Grazie al week end trading è possibile accedere ai mercati del Forex, indici e criptovalute anche durante il fine settimana, quando il volume di eventi è ridotto. Il week end trading è infatti utile soprattutto in periodi di alta volatilità, quando anche una sola notizia è in grado di provocare reazioni a catena sui mercati.

Le quotazioni di indici e Forex sono slegate dalle controparti attive nei giorni feriali: il loro calcolo avviene prendendo in considerazioni una serie di variabili tra cui le prospettive di mercato, le attività dei clienti e il flusso di notizie.

Perché fare week end trading? Soprattutto per proteggersi dal rischio sulle posizioni aperte nei giorni feriali: all’inizio della settimana, le posizioni aperta su Forex e indici si regolarizzeranno sui livelli delle posizioni feriali se mantenute aperte dopo la chiusura della domenica, con gli eventuali stop e limiti invariati.

Fai trading sull'Hang Seng e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trading anche nel weekend, con IG

Perché non cogliere le opportunità anche il sabato e la domenica?

  • Trading sulle principali coppie forex, come GBP/USD, EUR/USD, USD/JPY, FTSE 100, indici H24 e criptovalute, 7 giorni su 7*
  • Possibilità di hedging sulle posizioni aperte nei giorni lavorativi
  • Possibilità di reagire sui mercati più importanti a fronte di notizie o eventi di rilievo anche nel fine settimana

* Escluse le ore che intercorrono tra le 23:00 di venerdì e le 09:00 del sabato mattina ed esclusi i 20 minuti che precedono la normale apertura dei mercati.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.