Usa: scendono le richieste di disoccupazione, ma ancora non basta. In calo il Dow Jones

Gli indici di Wall Street proseguono frazionati, con il Dow Jones che perde lo 0,32%. Sempre meno domande di sussidi, ma la cifra dei richiedenti totali resta record, a 1,31 milioni

Per la prima volta in quattro settimane le richieste per accedere a un sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti scendono rispetto alle previsioni – e, per la prima volta in assoluto, si confermano meno di quelle pervenute al Department of Labor la settimana precedente.

Come si sta muovendo il dato sulle richieste di disoccupazione?

Tra il 29 giugno e il 4 luglio, ad aver avanzato domanda di disoccupazione sono stati 1,31 milioni di cittadini statunitensi: 99 mila in meno rispetto agli 1,37 milioni attesi e in calo anche rispetto agli 1,41 milioni della settimana che si è conclusa il 27 giugno (dato rivisto al ribasso di 14 mila unità rispetto agli originari 1,42 milioni).

Scende anche il numero di richieste di disoccupazione continua, ovvero di coloro che risultano ancora senza lavoro a una settimana dalla richiesta iniziale. Il dato, aggiornato al 27 giugno, segna infatti 18,06 milioni di unità, in calo rispetto a quello precedente, 18,76 milioni di persone: significa che sempre più gente negli Stati Uniti sta lentamente tornando al lavoro, un segno incoraggiante per quanto riguarda la ripartenza della prima economia mondiale.

Continua a virare al ribasso anche la curva della media delle richieste di disoccupazione in quattro settimane: 1,43 milioni, 63 mila in meno rispetto agli 1,5 rilevati dal dato precedente – anch’esso rivisto al ribasso di 3.500 unità.

Una buona notizia?

In totale, le persone attualmente fuori dal mercato del lavoro sono ancora 32 milioni: una cifra storica per gli Stati Uniti.

D’altra parte, il numero rilevato dal Labor Department include i moduli per le richieste di disoccupazione compilati attraverso l’iter tradizionale; a questi ne vanno però aggiunti altri 1,04 milioni pervenuti attraverso il programma temporaneo federale per il supporto all’occupazione post-coronavirus, che fa salire il totale a 2,35 milioni.

Tenendo in considerazione lo stesso programma aumentano inoltre anche le richieste continue,che diventano così oltre 32 milioni: meno, rispetto ai 31,5 milioni della settimana precedente.

Quali sono gli stati più colpiti?

Seguendo l’andamento geografico del Covid-19, gli stati che più di tutti subiscono ripercussioni dal punto di vista occupazionale nell’ultima settimana sono California, Texas, New York, Florida e Georgia.

A preoccupare è la seconda ondata di coronavirus (per alcuni esperti in realtà si tratterebbe ancora della prima, mai sopita), che non ha affatto aiutato il recupero della domanda di cui l’economa Usa aveva bisogno, a fine lockdown.

I livelli della domanda restano infatti ancora bassi, tanto da continuare a spingere alcune attività a ridurre la propria forza lavoro – se non direttamente a chiudere i battenti. La situazione è aggravata dall’imminente scadenza del programma federale di supporto all’occupazione, che prevede un bonus da 600 dollari per chi rimane a casa dal lavoro a causa del Covid-19, e che scadrà a fine luglio.

Come hanno reagito gli indici di Wall Street?

Avvio frazionato per la sessione di scambi statunitense, con i dati dei nuovi contagi da Covid-19 che fanno ancora paura: oltre 59 mila nelle ultime 24 ore, con la California che ha conquistato il triste record del più alto numero di contagi giornalieri (circa 10 mila) mai registrato in nessun altro stato al mondo.

I dati sulla disoccupazione, per quando in relativa discesa, comunque non muovono più di tanto gli indici: per le sedicesima settimana consecutiva il numero si assesta sopra al milione di unità, record storico mai registrato prima nella storia degli Usa.

Dopo un tentativo di apertura in rialzo dello 0,08%, a neanche un’ora di distanza il Dow Jones perde 83,7 punti, lo 0,32%. Leggermente sopra la parità invece l’S&P 500, che si mantiene sopra la soglia dei 3 mila punti con un rialzo dello 0,05%, mentre il Nasdaq prosegue in rialzo sulla scia delle buone performance dei titoli tech e guadagna lo 0,70%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri le opportunità di trading

Con IG vai long o short su oltre 17.000.

Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.