Tonfo quotazioni Atlantia dopo voto della Consulta su Aspi

Le azioni Atlantia viaggiano in ribasso di oltre il 6% nel giorno del Cda e dell’incontro al Mit sulla questione concessioni. Per la Corte costituzionale, giusto escludere Aspi dalla ricostruzione del ponte Morandi

L’estromissione di Autostrade per l’Italia dalla ricostruzione del Ponte di Genova il cui crollo, il 14 agosto 2018, ha provocato la morte di 43 persone, “non è illegittimo”: lo ha stabilito ieri la Corte costituzionale.

L'udienza al Consiglio di Stato, fissata per il 7 maggio ma slittata a causa dell'emergenza coronavirus, è arrivata proprio alla vigilia della riunione al ministero dei Trasporti tra i vertici di Atlantia e i rappresentanti del governo, durante il quale cercare la quadra sul nodo della concessione autostradale. Convocata per oggi invece una riunione del consiglio di amministrazione di Atlantia.

E proprio ieri gli animi all’interno della maggioranza di governo sono tornati ad infiammarsi dopo l’annuncio, rilasciato dalla ministra delle Infrastrutture Paola De Micheli, con cui viene confermato il ritorno della gestione del nuovo ponte sul Polcevera ad Aspi – dopo due anni in cui il Movimento 5 stelle si è battuto per fare in modo che l’intera concessione venisse ritirata. A rischio c’è la stessa tenuta del governo giallo-rosso: “Il rischio di una crisi, se entro una settimana non ci fosse una soluzione, sarebbe inevitabile. Ma dell'argomento non abbiamo ancora parlato in un vero vertice: e questa è la cosa più assurda" commenta il viceministro alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri.

Per De Micheli, si tratta dell’unico modo con cui il ponte sul Polcevera possa tornare immediatamente fruibile dalla popolazione, essendo ad oggi Aspi ancora concessionaria della rete autostradale italiana.

Il voto della Corte costituzionale

La controllata di Atlantia aveva presentato ricorso al Tar della Liguria all’inizio di aprile, arrivato successivamente in Corte costituzionale. Le attività di ricostruzione erano state affidate al Commissario straordinario con spese a carico del concessionario.

Il Tar aveva rinviato gli atti alla Consulta riscontrando profili di illegittimità costituzionale poiché la decisione era basata su "una meramente potenziale e nemmeno in via latamente indiziaria accertata responsabilità di Aspi".

Secondo i giudici della Corte, invece, l’estromissione di Aspi dai lavori di ricostruzione del viadotto sul Polcevera sarebbe legittima. Una decisione inaspettata, che rende per Aspi la prospettiva di un ritiro della concessione ancora più concreta. Secondo il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, la decisione sulla revoca potrebbe essere annunciata già in settimana. Di certo invece nei prossimi giorni il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha dichiarato che sarà fatta chiarezza sulla restituzione del ponte ad Aspi.

Come si stanno muovendo le azioni Atlantia?

“La decisione della Corte di Cassazione è inaspettata ed indebolisce la posizione di Aspi nella negoziazione col governo. Per la società il raggiungimento di un accordo rimane importante in questa fase di incertezza per l'effetto covid-19 sul traffico, l'elevato leverage ed il rating junk”, è il commento degli analisti di Equita.

Scopri come fare trading sulle azioni Atlantia e altri mercati con IG

Al momento, le azioni Atlantia viaggiano in ribasso del 6,8%, a 13,43 euro. Il titolo, dopo essere stato sospeso in apertura per eccesso di ribasso, ha aperto le contrattazioni a quota 13,94 euro, salvo poi arrivare a toccare minimi metà mattina di 12,97 euro per azione.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.