Sugli indici di Borsa regna la volatilità, funziona il rimbalzo del Pmi cinese

Mattinata di cauto ottimismo per gli indici mondiali dopo il buon dato degli ordini agli acquisti cinesi. Occhi puntati sul petrolio, mai così basso dal 2002

Apertura in positivo per l’Europa, in una giornata dove a tenere banco sono i buoni dati (ma non abbastanza) provenienti dall’indice Pmi cinese e, soprattutto, il prezzo del petrolio, che nelle ultime ore è sceso pericolosamente vicino alla soglia psicologica dei 20 dollari al barile.

Come hanno chiuso gli indici asiatici?

I leggeri rialzi dei listini cinesi sono stati compensati dalla chiusura in area negativa dell’indice Nikkei, in Giappone, dopo il cauto ottimismo con cui l’istituto nazionale di statistica cinese ha accolto il dato sugli ordigni agli acquisti dei direttori d’impresa nel settore servizi e manifatturiero.

L’indice Pmi manifatturiero di marzo ha infatti segnato un notevole rimbalzo, dai 35,7 punti di febbraio a 52 – oltre lo spartiacque dei 50, che segna il passaggio tra recessione e accelerazione dell’economia, e superando le aspettative, ferme a 45 punti. Buoni risultati anche per quanto riguarda i servizi, dove l’indice Pmi ha segnato un’accelerazione dai 29,6 punti di febbraio a 52,3.

Eppure, gli esperti dell’istituto di statistica nazionale della Cina hanno subito frenato gli entusiasmi: l’indice riflette anche e soprattutto le forti misure di supporto all’economia implementate per far fronte all’emergenza coronavirus, responsabile del basso dato di febbraio. Non solo: il fatto che il dato sia positivo, ma non eccezionale, riduce le possibilità di una ripresa a V.

Per questi motivi la chiusura della sessione asiatica è stata altalenante: i mercati cinesi hanno comunque apprezzato il risultato, con Shanghai che ha chiuso in leggero rialzo, sebbene prossima alla parità (+0,11%), idem Shenzhen +0,58% e China A50 + 0,14%.

Più cauto invece il Giappone, dove il Nikkei ha perso lo 0,88% e il Topix il 2,26%.

Cosa è successo intanto negli Usa?

I futures su Wall Street sono positivi dopo che, ieri sera, sulla Borsa di New York i principali indici hanno chiuso in area positiva. A trainare gli altri è stato il Dow Jones, dove Johnson & Johnson è schizzata dell’8% grazie all’annuncio di un possibile vaccino contro il coronavirus.

Ma a ridare fiducia agli indici sono state anche le nuove restrizioni approvate dal presidente Usa Donald Trump, che durante lo scorso fine settimana ha annunciato il prolungamento delle misure di distanziamento sociale fino alla fine di aprile (l’idea originaria del Tycoon era quella di riaprire il prima possibile tutte le attività, per evitare pesanti ricadute economiche), oltre a godere degli ingenti aiuti fiscali predisposti dal Congresso (oltre 2 mila miliardi di dollari per imprese e famiglie) e di quelli monetari.

Come si è mosso il prezzo del petrolio?

Eppure, gli investitori continuano a guardare con preoccupazione al prezzo del barile, in caduta libera a causa della concomitanza tra il calo della domanda provocato dai lockdown per contenere l’espandersi del coronavirus e la guerra dei prezzi scatenata tra Russia e Arabia Saudita.

In nottata, il greggio ha toccato minimi che non si vedevano da 18 anni, con il Wti che ha sfiorato i 20 dollari al barile, salvo poi risalire leggermente – al momento, il Wti viaggia a quota 22,68 dollari al barile, il Brent a 26,97 dollari al barile.

Qual è stata la reazione dell’Europa in apertura?

A quanto pare, pur con tutte le cautele del caso, i dati provenienti dalla Cina fanno ben sperare l’Europa, dove l’emergenza coronavirus è ancora in pieno svolgimento. Le principali piazze viaggiano tutte in are positiva: Parigi guadagna l’1,45%, Francoforte il 2,44%, Londra +1,85%, Madrid +1,71% e, infine, Piazza Affari arriva a segnare un rialzo del 2,50%.

Fai trading sugli indici e altri mercati senza rischi con il conto demo di IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Opera sugli indici

Fai trading oggi con i principali indici globali.

  • Puoi negoziare con gli spread più bassi del mercato su Wall Street
  • Spread da 0,4 punto su FTSE 100 e Germany 30
  • Scegli l'unico broker che offre quotazioni H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.