I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio.

Stime flash indici PMI europei migliori delle attese ma rischio recessione resta

Le previsioni sugli indici PMI di novembre sono risultate migliori delle attese anche se in continuo deterioramento.

Fonte: Bloomberg

I risultati

In mattinata S&P Global ha pubblicato le stime flash sugli indici PMI nei paesi dell’Eurozona (si basano all’incirca sull’85% delle risposte totali dei questionari) che però hanno mostrato dei timidi segnali positivi nonostante continuino ad essere ben al di sotto della soglia di neutralità fissata a 50.

In particolare, a livello aggregato l’Eurozona continua a segnalare un indebolimento dei fondamentali macroeconomici mostrando il quinto declino consecutivo dell’attività economica nel continente.

Nonostante ciò, il valore dell’indice PMI Composito della produzione è stato pari a 47,8 - il migliore in due mesi (ad ottobre era fermo al 47,3) - grazie al calo meno intenso degli ordini, al miglioramento della fiducia nei prossimi 12 mesi e alla riduzione dei problemi alle forniture.

Detto questo, il tasso di contrazione è stato comunque il peggiore dal 2013, se si esclude quello derivato dalle chiusure anti-Covid.

Tuttavia, il parziale rallentamento dell’attività economica ha avuto - paradossalmente - un effetto positivo sulla riduzione della pressione sui prezzi dal lato della produzione. I costi delle aziende hanno infatti mostrato la crescita più lenta da 14 mesi consentendo quindi una riduzione dei prezzi al consumo.

Per quanto riguarda i paesi all’interno dell’Area Euro, quelli più colpiti rimangono la Germania e la Francia, in particolare nel settore manifatturiero dove la produzione industriale è scesa molto. La prima ha registrato un valore dell’indice Manufacturing PMI di 46,7 mentre la seconda di 49,1.

Nonostante questo, l’indebolimento della domanda di beni e servizi ha diminuito i ritardi sulle catene di fornitura e fiaccato la pressione sui prezzi dove, infatti, si è registrato un rallentamento della crescita dei tassi di inflazione che nel settore manifatturiero hanno raggiunto i minimi da 20 mesi.

Gli effetti sui mercati

Al momento della pubblicazione, i principali indici future del Vecchio Continente mostrano un segnale ribassista fino ai minimi intraday di oggi per poi scontare la notizia e ritracciare al rialzo.

Il Germany 40 perde 30 punti fino al bottom della seduta a 14.373 mentre l’Italy 40 apre in ribasso e tocca un minimo di 24.390 punti per poi risalire e stabilizzarsi a 24.547 punti. Il France 40, invece, è in calo di 25 punti fino a 6.642 per poi riprendersi intorno a quota 6.655.

Sul lato valutario, il cambio EUR/USD mostra un repentino calo intorno alle 10:00 (pubblicazione dato Eurozona) scendendo vicino ai minimi intraday a 1,0302. Successivamente, la coppia valutaria si riprende e si porta a 1,0312.

Le previsioni

In conclusione, le stime pubblicate oggi ci dicono che la situazione nel settore manifatturiero e dei servizi nell’Eurozona è migliorata rispetto ai cupi risultati registrati nei mesi di settembre ed ottobre.

In particolare, si è riscontrato un maggiore ottimismo soprattutto per quanto riguarda la riduzione dei ritardi sulle catene di fornitura, il calmieramento degli effetti dovuti alla crisi energetica e la riduzione dei prezzi al consumo dovuto in parte al rallentamento economico già in atto e alla politica monetaria restrittiva della Banca Centrale Europea.

A nostro avviso, crediamo che le probabilità di una recessione nel primo trimestre 2023 rimangano elevate anche se l’intensità della stessa potrebbe essere minore rispetto a quanto previsto in precedenza.

Sui mercati finanziari, invece, le quotazioni dei principali indici europei potrebbero ormai aver già raggiunto il bottom (a metà ottobre) e ora potrebbero continuare a mostrare una certa ripresa grazie alle notizie positive sull’indice dei prezzi al consumo e a decisioni meno aggressive sulla politica monetaria della BCE.

Infine, l’Eurodollaro potrebbe continuare a restare intorno alla parità fino alla fine del 2022 per poi scendere al di sotto di tale soglia nel caso in cui si dovesse ampliare la divergenza tra i tassi di interesse delle rispettive banche centrali.

Vuoi fare trading sui mercati internazionali?

Con i Turbo24 puoi fare trading sui maggiori indici internazionali tutto il giorno senza interruzioni. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri nuove opportunità di trading

Con IG vai long o short su oltre 17.000 mercati. Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading