Vai al contenuto

I CFD sono strumenti complessi ad alto rischio di perdita di capitale dovuto alla leva. 72% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valutate se potete permettervi di correre l’elevato rischio di perdere il vostro denaro. Le opzioni e i certificati sono strumenti finanziari complessi ad alto rischio di perdita di capitale. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi ad alto rischio di perdita di capitale dovuto alla leva. 72% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valutate se potete permettervi di correre l’elevato rischio di perdere il vostro denaro. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti finanziari complessi ad alto rischio di perdita di capitale. Il vostro capitale è a rischio.

RBA alza i tassi di 25 punti base. La coppia AUD/USD rimane stabile

La banca centrale australiana ha alzato i tassi di interesse fino al massimo livello da 10 anni anche se i 25 punti base fanno credere che tale soglia possa rimanere elevata per molto tempo.

Fonte: Bloomberg

La decisione

Questa mattina (alle 04:30) la Reserve Bank of Australia ha deliberato la sua decisione in merito ai tassi di interesse alzando il tasso di riferimento (cash rate) di 25 punti base, il terzo di seguito di questa intensità.

Il livello dei tassi ha quindi raggiunto il massimo da dieci anni al 3,1% dopo una stretta monetaria che da maggio scorso ha aggiunto ben 300 punti base.

L’aumento è in linea con le attese del mercato che si aspettava un rialzo di questa entità. L’atteggiamento della banca centrale australiana indica quindi che quest’ultima non ha intenzione di abbassare il costo del denaro proprio ora che l’inflazione sta accennando ad un calmieramento (CPI mensile ad ottobre).

Su questa linea è infatti lo stesso Governatore della RBA Philip Lowe che ha annunciato che il consiglio dell’istituto monetario ha intenzione di aumentare i tassi di interesse ulteriormente anche in futuro nonostante Lowe abbia sottolineato che non sono su un “corso prestabilito”.

“L’entità e la tempistica dei futuri aumenti dei tassi di interesse continueranno a essere determinati dai prossimi dati e dalla valutazione del Consiglio riguardo alle prospettive sull’inflazione e sul mercato del lavoro”.

Infatti, le pressioni inflazionistiche rimangono il problema principale per la banca centrale australiana. Queste hanno toccato il +7,3% su base annuale nel terzo trimestre 2022, il massimo dal secondo trimestre del 1990. Inoltre, l’inflazione è prevista in ulteriore accelerazione anche nell’ultimo trimestre dell’anno in corso con un valore che dovrebbe superare la soglia del +8% su base annuale.

A questo punto il mercato ha già scontato un atteggiamento più aggressivo sui tassi di interesse identificando un picco per il prossimo luglio al 3,6% rispetto al 3,5% delle stime precedenti.

Gli effetti sui mercati

Durante la sessione asiatica, il cambio AUD/USD rimane pressoché stabile salendo pochissimo al momento dell’annuncio (6 pips) e avanza fino a un picco intraday di 0,6738. Successivamente ritraccia fino al minimo di 0,6708 per poi stabilizzarsi a 0,6720.

Nonostante la coppia AUD/USD abbia recuperato parecchio dai minimi del 13 ottobre a 0,6170, è comunque in ribasso rispetto al livello di 0,7260 di inizio anno in particolare a causa della prorompente forza del biglietto verde dovuta alla politica monetaria aggressiva della Fed.

Le previsioni

La RBA ha dimostrato di voler continuare ad agire sui tassi di interesse, anche se con moderati rialzi da 25 punti base, per poter riportare l’inflazione fino a livelli non deleteri per l’economia.

Nonostante ciò, il percorso di rialzi della banca centrale australiana dovrà fare i conti con la resilienza dei fondamentali macroeconomici. Per il momento, il tasso di disoccupazione rimane basso al 3,4% nel mese di ottobre, minimo da 50 anni, mentre la crescita dei salari a settembre ha raggiunto il ritmo più alto dal 2013.

Tuttavia, al contrario, il settore immobiliare comincia a scricchiolare con i prezzi delle abitazioni che sono calati per il settimo mese consecutivo a novembre, segnalando quindi che il rialzo del costo del denaro comincia a sortire degli effetti concreti sull’economia reale diminuendo la crescita economica e la fiducia dei consumatori.

Dal nostro punto di vista la RBA continuerà ad alzare i tassi di interesse anche nelle prossime riunioni dei primi mesi del 2023 anche se l’intensità degli aumenti dipenderà molto dai prossimi valori dei dati macroeconomici (in particolare l’inflazione e il mercato del lavoro).

Da un punto di vista valutario, invece, nel 2023 l’aussie potrebbe tornare sui livelli di 0,70 contro il dollaro statunitense, massimo del 17 agosto, sulla scia di un atteggiamento meno restrittivo della Fed nella prossima riunione del 13-14 dicembre.

Vuoi fare trading sulla coppia AUD/USD?

Con i Turbo24 puoi fare trading sul mercato Forex e sul cambio AUD/USD tutto il giorno senza interruzioni. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri nuove opportunità di trading

Con IG vai long o short su oltre 17.000 mercati. Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading