I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 71% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.

Quotazioni Ftse Mib in rialzo, occhi su ultime trimestrali e indici PMI

Proseguono i rialzi sul Ftse Mib, guidato da Stellantis (+2,69%) e dalle banche (oggi i cda di Unicredit e Banca Mediolanum). Indici Pmi contrastati, dollaro in calo su stabilizzazione mercato obbligazionario

Avvio in rialzo per il Ftse Mib oggi, che a metà mattina avanza di quasi un punto percentuale spinto dalle azioni Stellantis, dopo che il gruppo ha pubblicato i conti del quarto trimestre e dell’anno finanziario 2020 per Fca – gli ultimi, prima della fusione con la francese Psa.

La giornata si prospetta carica di aspettative: già l’istituto Caixin in Cina ha pubblicato i dati relativi all’indice Pmi nel settore dei servizi di febbraio, insieme all’indice composito, in attesa di quelli stilati dall’istituto Ihs Markit per l’Eurozona. Gli Stati Uniti attendono, oltre alla variazione dell’occupazione non agricola Adp di febbraio (preludio ai non-farm payrolls di febbraio, venerdì), il dato sull’indice Ism non manifatturiero, le scorte di petrolio settimanali e, soprattutto, la pubblicazione del Beige Book della Federal Reserve, in arrivo in serata (ora italiana).

Quotazioni Ftse Mib in rialzo, oggi giornata di trimestrali

Bene oggi l’indice Mib di Milano, che si mantiene a quota 23.298 punti (+0,93%) con i rialzi nel settore bancario e industriale.

Le azioni Stellantis avanzano del 2,22%, provocando rialzi anche sulle quotazioni Exor (holding degli Agnelli, sotto il cui ombrello ricadono le attività della famiglia), dopo la pubblicazione dei conti trimestrali di Fca. La casa automobilistica chiude il suo ultimo anno prima della fusione con i francesi di Psa in calo, sulla falsariga dell’intero comparto automobilistico: nel 2020 i ricavi netti sono stati pari a circa 87 miliardi, in calo dai 108,2 miliardi del 2019. Nel solo quarto trimestre sono scesi del 4% a 28,6 miliardi. Giù anche l’utile netto adjusted di 1,9 miliardi di euro. Il solo quarto trimestre ha visto un utile netto di 1,56 miliardi, in calo dell'1%, e leggermente inferiore alle stime raccolte da Reuters che convergevano su 1,656 miliardi.

Il Cda del gruppo proporrà la distribuzione agli azionisti di un miliardo di euro per cassa, pari a 0,32 euro per azione all'assemblea convocata per il 15 aprile, secondo una nota.

Sul fronte bancario attenzione alle azioni Unicredit, che definirà oggi la lista dei nuovi consiglieri di amministrazione in vista del rinnovo del board della banca, che verrà sottoposto al voto degli azionisti il 15 aprile. Il titolo Unicredit al momento avanza del 2,34%, tra i migliori sul Ftse Mib.

Su anche Banco Bpm, + 2,3%, e Banca Mediolanum, a +2,2%, in attesa anch’essa oggi del cda.

Spread in calo del 2,55%, anche se resta ancora sopra quota 100 punti (101 alle 10:37). Oggi l’emissione del primo green bond italiano: il titolo prevede un formato benchmark e attualmente è offerto con uno spread di 15 punti base sul rendimento del Btp scadenza marzo 2041.

Le notizie dal resto dei mercati finanziari

  • Europa – Azionari in rialzo dopo la pubblicazione dei dati Pmi sul settore dei servizi e quello composito: Dax + 0,89% (con l’indice Pmi di febbraio a 51,1 punti, in rialzo rispetto al dato precedente ma meno delle aspettative), Cac40 + 0,80% (Pmi a 45,6 punti, in calo rispetto ai 47,3 del mese scorso e sempre sotto la soglia dei 50, al di là della quale l’economia si considera in espansione), Ftse 100 +1,11% (Pmi servizi a 49,5, in calo rispetto alle aspettative ma in rialzo rispetto ai 39 punti di gennaio). Gli investitori europei attendono oggi le parole di Fabio Panetta, membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea, oltre a quello del vicepresidente Luis De Guindos, che si esprimeranno sull’inflazione (i cui dati relativi all’Eurozona sono usciti ieri) e, in generale, sulla tenuta della ripresa dell’Unione Europea – che nel frattempo contratta con le case farmaceutiche per aumentare le scorte di vaccini.
  • Usa – Giornata di dati macro anche negli Stati Uniti, con i dati sul settore occupazionale privato in arrivo oggi oltre agli indici Pmi. Futures positivi su Wall Street, che giovano del calo dei tassi sui Treasuries decennali (comunque ancora in zona 1,44%, ai massimi dal febbraio 2020). I rendimenti continuano a restare su massimi in seguito all’annuncio del presidente Usa Joe Biden, secondo cui gli Stati Uniti avranno abbastanza vaccini per vaccinare tutta la popolazione adulta statunitense entro maggio – ben prima di quanto previsto.
  • Forex – In ogni caso il calo dei tassi, con conseguente miglioramento del sentiment degli operatori di mercato, indebolisce il dollaro che perde sempre più attrattiva. In attesa di notizie in grado di far pensare a una normalizzazione della politica monetaria degli istituti centrali, il Dollar Index scende dunque a quota 90,73 e si indebolisce rispetto alle principali valute: il cambio EUR/USD sale a 1,2093 mentre quello GBP/USD avanza a 1,3981. Regge la coppia USD/JPY, ancora in area 106,909.
  • Materie prime – in attesa del vertice Opec+, in partenza domani e che durerà fino a venerdì, riprende quota il prezzo del petrolio che sconta il probabile allentamento dei tagli alla produzione. Al momento il Wti avanza a 60,58 dollari al barile mentre il Brent sale a 63,59 dollari.

Inizia a fare trading con i Turbo24

Fai trading su oltre 80 indici tutto il giorno senza interruzioni con i Turbo24 – inclusi Cac40, Dax 30, Dow Jones e Ftse 100. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri i primi certificati turbo al mondo quotati H24

  • Leva variabile a partire da 3x
  • Rischio limitato
  • Zero commissioni

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading