Quotazioni FCA in forte aumento dopo annuncio dividendo. Bene anche Psa dopo conti 2019

Le azioni di Fca e Psa chiudono la sessione di oggi al rialzo, in attesa della fusione che darà vita al quarto gruppo automobilistico al mondo

Il matrimonio tra Fiat-Chrysler Automobiles e Psa (Peugeot Société Anonyme) promette bene e fa volare i titoli in Borsa. Stamattina i buoni risultati per l’anno finanziario 2019 riportati dalla casa automobilistica francese hanno spinto al rialzo le quotazioni; insieme alle promesse dell’italo-americana, il colosso in arrivo promette sempre meglio.

Perché anche le azioni Fca stanno salendo?

I conti 2019 di Fca sono stati annunciati lo scorso 6 febbraio, ma solo ieri il consiglio di amministrazione ha proposto all’assemblea dei soci, in programma per il prossimo 16 aprile, di distribuire un dividendo da 0,70 euro, pari a 1,1 miliardi in totale.

La cedola, qualora la proposta dovesse essere approvata, verrebbe staccata il 20 aprile e il dividendo corrisposto il 5 maggio 2020.

Come si inserisce Psa?

Quanto invece al dividendo sulle azioni non ordinarie, le modalità sono ancora da comunicare, eppure il gruppo ha annunciato che ne verrà corrisposto uno, in previsione della fusione con Peugeot.

Il gruppo francese ha presentato oggi i risultati per l’anno appena concluso. Psa ha raggiunto nel 2019 un fatturato da 74,7 miliardi di euro (l’1% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso) e un utile di 3,2 miliardi, ben 347 milioni in più rispetto al 2018. L’azienda ha proposto un dividendo ai propri azionisti pari a 1,23 euro per azione. Psa ha riportato inoltre un risultato operativo pari a 6.324 milioni, raggiunto (secondo quanto spiegato dall’amministratore delegato, Carlos Tavares) grazie a una riduzione dei costi e a un buon riscontro sul mercato dei veicoli Peugeot.

Cosa si prospetta per la fusione con Fca?

Tavares si dice particolarmente ottimista per quanto riguarda il matrimonio con Fca: “I costi di ristrutturazione non aumenteranno nel 2021 purché si fonderanno due società che sono in buona salute”, spiega il ceo. “Non è una fusione di crisi, non ci saranno costi di ristrutturazione. Se cambieranno le cose, ci adatteremo ma non vedo il bisogno di una ristrutturazione. C'è piuttosto impazienza per il nuovo progetto”.

In che condizioni versa il settore automobilistico in Europa?

Una buona notizia dunque per il mercato dell’automobile europeo che, nelle ultime settimane, ha scontato prima un notevole calo dei consumi a gennaio; poi, a partire dalle ultime settimane del mese, le gravi ripercussioni provocate dall’espandersi dell’epidemia di coronavirus. Le misure di quarantena messe in atto soprattutto nella regione dell’Hubei, la provincia cinese dove si è sviluppato il focolaio, hanno infatti provocato il rallentamento dei lavori nelle fabbriche, provocando ritardi nella produzione e nelle consegne che si ripercuoteranno sui conti del primo trimestre.

Solo la settimana scorsa, l’Acea, associazione dei produttori automobilistici europea (European Automobile Manufactures Associaton) aveva pubblicato il dato sulle vendite nel settore automobilistico relative a gennaio: 975 mila nuove vetture, il 7,5% in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Anche Fca ha registrato un calo, seppur maggiormente contenuto, del 6,7%.

Come stanno andando i titoli in Borsa?

Da stamattina il titolo Fca ha aperto in rialzo, trainando al rialzo (insieme a Saipem) il listino di Milano. A pochi minuti dalla chiusura il titolo quotava in rialzo del 4,23% a 11,74 euro per azione, dopo aver raggiunto un massimo di quasi 12 euro. Andamento quasi simile sulla Borsa di Parigi per Psa, che quota a 18,48 euro (+4,58%).

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Esplora i mercati finanziari con i nostri corsi online gratuiti

Scopri come fare trading su una vasta selezione di mercati,o approfondire le tue conoscenze con i webinar, le lezioni interattive e i video di IG Academy.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.