Quotazioni del petrolio in ribasso, grande attesa per il meeting di Vienna

I leader dell’Opec si incontreranno la settimana prossima per decidere se proseguire con il taglio della produzione, mentre gli investitori tengono d’occhio le tensioni Cina-Usa

aLe scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti hanno deluso le aspettative: 1,527 milioni di barili, 418 mila in più rispetto a quanto avevano previsto gli analisti di Reuters. Il Wti è sceso a 57,93 dollari al barile, (perdendo lo 0,3%) mentre il Brent ha perso lo 0,1%, toccando i 62,99 dollari al barile.

Perché il prezzo del petrolio si stava alzando?

Gli investitori tengono d’occhio i rapporti tra Cine e Usa, pronti a vendere non appena la possibilità di un accordo dovesse farsi reale. In caso contrario invece l’intera economia globale non farebbe altro che rallentare ancora di più, provocando un calo della domanda di petrolio.

Il cauto ottimismo sulle trattative in corso tra Cina e Usa per la ratifica di una “Fase 1” dell’accordo commerciale, negoziata a ottobre ma ancora in attesa della firma ufficiale, aveva dunque contribuito a far lievitare il prezzo del greggio. Altrettanto facilmente, tuttavia, l’approvazione da parte del presidente Usa Donald Trump dell’Hong Kong Human Rights and Democracy Act potrebbe gettare nuove ombre sull’accordo e, dunque, provocare ricadute sul prezzo del petrolio.

Ciò spiega anche come mai prima dell’annuncio del dato di ieri il prezzo del petrolio fosse salito a livelli record che non si vedevano da settembre: venerdì scorso il Wti era arrivato a 58,71 dollari al barile, il Brent ieri è arrivato a 63,62 dollari al barile.

Cosa potrebbe accadere a Vienna?

Il 5 e 6 dicembre i paesi membri dell’Opec (l’organizzazione che riunisce i principali esportatori di petrolio a livello globale), sia nella sua versione originale che in quella allargata (Opec +, che include anche altri paesi esportatori, primo fra tutti la Russia), si incontreranno a Vienna. All’ordine del giorno vi sarà la decisione circa l’aumento del periodo in cui contenere la produzione di petrolio: al momento la data ultima è fissata a marzo 2020, ma vi è la possibilità che si vada avanti almeno fino a giugno. Da gennaio infatti alcuni paesi dell’Opec si sono accordati per ridurre la produzione di 1,2 milioni di barili al giorno e, così, mantenere il prezzo dell’oro nero a circa 62 dollari al barile.

Fonti interne all’Opec hanno comunque fatto sapere che molto probabilmente l’accordo verrà effettivamente prolungato, così da dare un segnale positivo ai mercati.

Al momento tuttavia lo scontro principale sembra essere fra Arabia Saudita e Russia. Entrambe sono a favore di una riduzione della produzione; eppure, la prima sembrerebbe più propensa a premere sugli altri membri per assicurarsi che tutti procedano con i suddetti tagli, prima di esporsi. Da parte sua, Mosca cerca invece di tenersi larga, senza dare garanzie – anzi, mettendo le mani avanti e annunciando che sarà difficile tagliare la produzione, soprattutto in inverno, in Siberia, dove le condizioni climatiche rendono problematico alterare il funzionamento degli impianti.

Quanto influirà l’Ipo di Saudi Aramco?

Fonti vicine a Mosca hanno tuttavia fatto sapere che molto probabilmente la Russia finirà per cercare un compromesso, considerando l’altra data chiave sul mercato petrolifero. Il 5 dicembre, quando il gigante saudita Saudi Aramco annuncerà il prezzo delle azioni in vista della quotazione sulla Borsa di Riad, annunciata per l’11 dicembre.

Scopri come fare trading sul petrolio con IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Investi sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di principali metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sull'oro spot, 2 punti sull'argento spot e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.