Quotazioni del petrolio in rialzo, nuove tensioni in Libia all’orizzonte

Il passaggio dell’Uragano Sally negli Usa, i siti petroliferi in Libia occupati dalle milizie di Haftar e il recupero della domanda di greggio sempre più stentato: il rialzo del petrolio potrebbe non essere destinato a durare

Terza giornata consecutiva di rialzi per il prezzo del petrolio, che torna di nuovo a sfondare il tetto dei 40 dollari al barile, sotto cui viaggiava dall’inizio di settembre.

A spiegare gli ultimi rialzi intervengono una serie di fattori, financo puramente climatici – come il passaggio dell’uragano Sally nel golfo degli Stati Uniti, che ha provocato la chiusura di circa il 25% dei siti di estrazione statunitensi.

Più di tutto però sono riusciti ad ottenere i membri dell’Opec, o per lo meno i più ligi ai tagli della produzione. Durante la riunione di giovedì infatti i membri dell’organizzazione dei principali esportatori di petrolio, Arabia Saudita in testa, hanno richiamato all’ordine i meno entusiasti della direttiva con cui, da agosto, l’estrazione di greggio dovrebbe diminuire di 5,5 milioni di barili al giorno – avranno tempo fino a dicembre di quest’anno per rientrare nei valori stabiliti lo scorso aprile, in piena crisi petrolifera.

È così che ieri il prezzo del petrolio ha osservato un rialzo tra il 3,54% (il Wti) e il 2,32% (il Brent), nonostante il cessato pericolo negli Usa abbia fatto tornare la produzione a pieno regime.

La produzione è sotto controllo. Ma la domanda?

D’altra parte, gli analisti iniziano a intravedere ombre sempre più minacciose per il prezzo del greggio. Non sono più solo i livelli di produzione a preoccupare gli analisti - bensì anche il livello della domanda: che, stando agli ultimi report, osserverà una ripresa particolarmente lenta e non tornerà ai livelli pre-crisi fino al 2022.

Anche Alexander Novak, ministro dell’Energia russo, ha riconosciuto che la domanda di petrolio, per quando attesa (secondo le autorità russe) in recupero entro il secondo trimestre del 2021, ha comunque subito nelle ultime settimane un leggero rallentamento.

Al momento, quello su cui l’Opec+ (nella sua composizione allargata agli alleati, primi fra tutti Russia e Kazakhstan) può concentrarsi è il monitoraggio delle scorte globali, pilotate tramite precisi tagli alla produzione che, da aprile, hanno ridotto la quantità di greggio estratto di 9,7 milioni di barili al giorno fino ad agosto, per poi scendere a 5,5 milioni di barili al giorno – i tagli si allungheranno almeno fino al 2021.

Dall’introduzione dei tagli, il prezzo del greggio è aumentato di circa il 90% per il Brent, mentre il West Texas Intermediate statunitense (il cui valore, al tempo della guerra dei prezzi tra Arabia Saudita e Russia, in concomitanza con la crisi scaturita dalla pandemia di coronavirus, era arrivato al di sotto dello zero) ha guadagnato oltre il 200%.

Cosa sta succedendo in Libia?

Nel frattempo, la situazione politica in Libia torna a farsi incandescente: Fayez al-Sarraj, a capo del (sempre più debole Governo di Accordo Nazionale, spalleggiato dalle Nazioni Unite), si trova infatti a fare i conti con i principali siti di estrazione di petrolio libico occupati dalle forze militari dell’uomo forte della Cirenaica, il generale Khalifa Haftar, il cui esercito a gennaio ha di fatto bloccato l’export libico di petrolio – principale risorsa del paese.

Dall’inizio dell’anno, la produzione di petrolio in Libia è passata da 1,2 milioni di barili al giorno a soli 100 mila barili. Nelle ultime settimane le due fazioni (e relative forze alleate: dalla parte di Tripoli Nazioni Unite, Turchia, Unione Europea, Italia; da quella di Tobruk Egitto, Emirati Arabi, Russia e Francia, tra gli altri) hanno tentato di raggiungere un accordo per ripristinare i flussi in uscita di greggio, che però si sono risolti in un nulla di fatto.

Come si sta muovendo al momento il prezzo del petrolio?

Nelle ultime ore il prezzo del barile è tornato ai massimi di inizio settembre, con il Wti a 41,30 dollari al barile e il Brent che vien scambiato per 43,38 dollari.

Vuoi iniziare a fare trading sul petrolio e altre commodities? Apri un conto gratuito Turbo24 o aggiungi un conto Turbo24 sul tuo account IG: avrai la possibilità di fare trading 24 ore al giorno con un prodotto quotato e regolamentato, che ti consentirà di avere il pieno controllo del rischio e della leva finanziaria.

Scopri di più sui Turbo24 con la nuova guida e inizia subito la tua attività di trading, apri ora un conto reale o mettiti alla prova con un conto demo su IG in pochi passi:

  1. Crea un contro IG o accedi a un conto già esistente
  2. Inserisci il nome del prodotto su cui vuoi fare trading nella barra di ricerca
  3. Scegli la size della tua posizione
  4. Clicca su “buy” o “sell” nella piattaforma
  5. Conferma l’operazione

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri i primi certificati turbo al mondo quotati H24

  • Trading 24 ore su 24 ore e zero commissioni
  • Prodotto quotato e accesso trasparente al book degli ordini
  • Leva e rischio adatti a ogni tua esigenza

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.