Quotazione dell’oro torna stabile dopo una settimana di turbolenze

Gli ultimi dati macro dell’economia Usa e la politica di Trump su Hong Kong potrebbero continuare a far oscillare i prezzi

Nonostante il calo del volume degli scambi sui mercati internazionali (ieri gli indici statunitensi sono rimasti chiusi per il Ringraziamento e oggi è prevista sessione breve, con chiusura alle 19:00 italiane), il prezzo dell’oro ha subito alcune oscillazioni, per attestarsi attualmente a 1456,87 dollari all’oncia.

Dopo il boom di acquisti evidenziato fino a inizio settembre quando i prezzi avevano toccato un picco a 1557 dollari l’oncia abbiamo assistito a un movimento correttivo di particolare forza arrivato a testare i supporti in area 1450 dollari l’oncia.

Tra gli avvenimenti che negli ultimi giorni hanno determinato l’andamento del prezzo dell’oro, i principali sono legati agli Stati Uniti – sia determinati da azioni dirette da parte di Trump, come la firma delle leggi pro-Hong Kong, sia indiretti, come i risultati macro dell’economia Usa.

Come incide la guerra commerciale sul prezzo dell’oro?

Già a partire dalla settimana prossima, sarà interessante analizzare l’andamento delle trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina. La scelta di Donald Trump di firmare l’Hong Kong Human Rights and Democracy Act ha chiaramente portato tensioni ma nel breve le due parti “dovrebbero” avvicinarsi per firmare un accordo di prima fase. I timori sia di Pechino che di Washington che una prolungata negoziazione potrebbe portare forti squilibri a entrambe le economie.

Cosa dicono i segnali dell’economia globale?

Pesano anche i dati positivi dell’economia Usa: mercoledì il Dipartimento del commercio ha segnalato una crescita del Pil statunitense del 2,1% nell’ultimo trimestre, in aumento rispetto alle attese dell’1,9%.

Un buon risultato, dunque, anche se il dato è in contrazione rispetto al primo trimestre (quando si registrò un tasso di crescita del 3,1%) e che anticipa un quarto trimestre ancora più in contrazione (le stime prevedono una decrescita del Pil nel periodo ottobre-dicembre, sebbene qualche speranza sia ancora riposta nella stagione degli acquisti, in partenza proprio oggi).

Quali le sono le prospettive grafiche sull’oro?

Riteniamo che la forza ribassista di medio/breve periodo non abbia ancora mostrato segnali di debolezza quindi è probabile che possa portare le quotazioni del metallo prezioso verso obiettivi short ipotizzabili a 1405 dollari l’oncia, che rappresenta il 38,2% del ritracciamento di Fibonacci dell’ascesa mostrata da agosto 2018 fino a settembre 2019. Tali prospettive grafiche incomincerebbero a vacillare solamente con una perentoria vittoria al di sopra di 1480 dollari l’oncia.

Scopri come fare trading sull'oro con IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Investi sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di principali metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sull'oro spot, 2 punti sull'argento spot e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 68% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.