Prezzo dell’oro in leggero rialzo, ma resta ancora sotto i 1.700 dollari/oz

Nelle ultime ore il prezzo dell’oro ha ritracciato i valori della vigilia, quando ha raggiunto massimi pluriennali. Ad influenzare il prezzo soprattutto l’azione delle Banche centrali

È ancora presto per considerare l’emergenza coronavirus in contrazione – tutt’altro: gli Stati Uniti stanno affrontando ora il picco dei contagi, per quanto il numero delle vittime giornaliere sembra si stia stabilizzando, mentre i dati incoraggianti provenienti dall’Europa dal punto di vista sanitario non permettono ancora un rilassamento delle misure di distanziamento sociale implementate per contenere i contagi, con le relative conseguenze sull’economia reale dei paesi colpiti e, di rimando, sui mercati finanziari.

Eppure, il prezzo dell’oro nelle ultime ore ha subito notevoli rialzi, raggiungendo ieri quota 1.742 dollari l’oncia, il massimo dal dicembre del 2012 - salvo poi ritracciare oggi in giornata. È il risultato del ritorno degli investitori sui mercati finanziari, seppur sospinti dalla cautela dopo che, ieri, gli indici statunitensi hanno osservato rialzi fino al 7%, mentre invece l’emergenza sanitaria è ancora al suo picco e quella economica resta molto incerta. Torna dunque l’oro come bene rifugio, per quanto resti alta la volatilità sul mercato delle materie prime.

Il collegamento con il dollaro

D’altro canto, gli analisti vedono anche un rilancio dell’oro grazie all’indebolimento del dollaro. Mentre, nelle ultime settimane, la corsa alla liquidità ha provocato forti vendite di asset da parte degli investitori, per accumulare abbastanza dollari in vista dell’alta incertezza sui mercati, nelle ultime ore il biglietto verde ha subito un calo – abbastanza per favorire l’acquisto in dollari del metallo prezioso.

Al momento, infatti, il dollaro perde sia nei confronti dell’euro (EUR/USD a 1.0880), mentre il cross GBP/USD viaggia a quota 1.2327.

L’azione delle Banche centrali

Rileva anche l’azione delle Banche centrali a livello globale. Le forti iniezioni di liquidità delle ultime settimane (solo la Federal Reserve ha disposto misure di Quantitative Easing potenzialmente illimitate, dopo una prima mossa che ha iniettato circa 700 miliardi di dollari nel sistema) hanno provocato notevoli rialzi del prezzo dell’oro.

Dal Giappone invece arrivano notizie di stimoli fiscali per l’equivalente di oltre 990 miliardi di dollari, mentre il premier Shinzo Abe ha decretato lo stato di emergenza e ordinato misure di lockdown fino almeno al 6 maggio a Tokyo e altre sei prefetture – sarà interessato circa il 44% della popolazione giapponese.

Anche la Bank of Australia, che il 19 marzo scorso aveva annunciato un programma di acquisto di titoli pressoché illimitato, oltre a un taglio dei tassi di interesse del 25% (tra le prime ad operare in tal senso) sembra volersi continuare a muovere in questa situazione. Oggi, durante la riunione dell’istituto centrale, non sono stati annunciati ulteriori misure rispetto alle suddette – a dispetto delle previsioni: il consensus si aspettava un ulteriore calo dei tassi, già a minimi record.

A quanto viaggia ora il prezzo dell’oro?

Al momento, le quotazioni dell’oro viaggiano a 1.694 dollari l’oncia.

Scopri come fare trading sull'oro con IG.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Investi sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di principali metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sull'oro spot, 2 punti sull'argento spot e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.