I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 73% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.

Prezzo del petrolio sui 40 dollari: per quanto ancora?

Secondo l’EIA, per la prima volta dalla metà del 2019 il livello globale di scorte di petrolio è inferiore a quello della domanda – ma già premono i risvolti di tensioni geopolitiche all’orizzonte

La domanda di greggio è destinata a scendere almeno fino al 2021: nella prima metà del 2020 la domanda si è aggirata sui 90 milioni di barili al giorno, mentre nello stesso periodo dell’anno scorso erano stati oltre 100 - con forti conseguenze sul prezzo del petrolio. E l’offerta?

Usa: esportazioni in aumento nonostante stop per coronavirus

Secondo un report rilasciato dall’Energy Information Administration Usa, da febbraio a giugno l’offerta di petrolio greggio è scesa da 3,71 milioni di barili al giorno a 2,75 milioni – e, nonostante tutto, è rimasta più alta se confrontata con i primi sei mesi del 2019.

Gran parte di questo petrolio è finito in Cina, primo importatore al mondo di oro nero: nella prima metà del 2020, le esportazioni dagli Usa a Pechino sono addirittura aumentate, nonostante il calo dei consumi post-covid, fino a raggiungere 361 mila barili al giorno (nello stesso periodo del 2019 erano 213 mila).

Davanti alla Cina, sulla lista degli acquirenti di petrolio Usa c’è solo il Canada (389 mila barili al giorno), ma la strategia di Pechino è resto spiegata: la maggior parte dei massicci acquisti è avvenuta i concomitanza con i minimi storici raggiunti dal petrolio a cavallo tra marzo e aprile – in altra parole, comprare non è mai stato così conveniente.

Parallelamente, negli Usa sono diminuite le importazioni soprattutto dopo che, lo scorso aprile, l’Arabia Saudita ha iniziato a smerciale il greggio in eccesso prodotto in rappresaglia alla Russia, restia ad accettare la politica di ulteriori tagli all’estrazione di petrolio.

In una guerra al ribasso, le due potenze hanno iniziato a pompare petrolio a ritmi che hanno fatto sprofondare il prezzo del barile addirittura sotto lo zero (è successo al Wti), inondando il mercato di greggio per cui è stato difficile persino trovare lo spazio nei siti di stoccaggio.

Agli Usa ne sono toccati 516 mila barili al giorno, per un totale di sette petroliere e 14 milioni di barili di petrolio in viaggio verso le coste statunitensi ad aprile.

Quanto petrolio giace adesso sotto le mani degli Usa?

Il tutto si traduce in scorte sempre più numerose – che, di conseguenza, portano a un prezzo del petrolio sempre più basso. Stando ai dati settimanali dell’American Petroleum Institute, dal 31 marzo fino al 21 luglio, salvo oscillazioni puntuali, le scorte sono andate da un minimo di sette milioni di barili a oltre dieci milioni.

Solo durante l’estate la situazione è tornata a stabilizzarsi, fino al dato record di 9,52 milioni di barili in meno a metà settembre. Gli ultimi dati fanno presagire invece ombre all’orizzonte: i dati Api di ieri hanno rilevato un incremento pari a 691 mila barili. Sembra un incremento residuale (neanche raggiunge la soglia del milione), ma assume diverso significato se rapportato alle aspettative degli analisti, i quali si aspettavano scorte in calo di almeno quattro milioni.

Attesi oggi i dati dell’Eia, l’organo indipendente di monitoraggio delle scorte di greggio Usa. Ad ogni modo, secondo le stime dell’Eia per la prima volta dalla metà del 2019 il livello delle scorte globali di petrolio è inferiore a quello della domanda, grazie sia dalla politica di tagli alla produzione decretata dall’Opec+ a metà aprile, sia ai cali della produzione registrati anche altrove (inclusi gli Stati Uniti).

E il resto dei paesi produttori di petrolio?

Tra i membri dell’Opec+ non tutti però hanno aderito ai tagli alla produzione: non l’hanno fatto l’Iran, già vessato dalle sanzioni economiche imposte dagli Usa, il Venezuela e la Libia, alle prese con situazione politiche interne fonte di grande instabilità.

E proprio la Libia potrebbe essere la fonte da cui, a giorni, inizierà a zampillare parte del petrolio faticosamente contenuto in questi mesi. Da quanto, all’inizio di gennaio, le truppe del generale Khalifa Haftar hanno occupato i giacimenti petroliferi da cui estrae la National Oil Company libica, la produzione giornaliera si era ridotta ad appena 100 mila barili al giorno: una situazione ottimale, con il senno di poi, in vista di una crisi di over-supply.

Pochi giorni fa tuttavia Haftar ha annunciato di essere disposto a ritirare le proprie truppe dalle aree di estrazione occupate – e relativo embargo di greggio. Secondo la NOC, la produzione riuscirà a tornare sui 260 mila barili al giorno entro la prossima settimana. Una boccata d’ossigeno per l’economia libica, che conte per gran parte sui proventi in arrivo dall’estrazione di greggio; ma dai potenziali effetti ribassisti sul prezzo del petrolio, laddove la domanda globale difficilmente riuscirà ad assorbire le nuove entrate.

Come fare trading sul prezzo del petrolio?

Al momento, le quotazioni sul Wti viaggiano a 39,79 dollari la barile, mentre il Brent del mare del Nord viene scambiato per 41,79 dollari.

Vuoi fare trading prezzo del petrolio? Apri un conto gratuito Turbo24 o aggiungi un conto Turbo24 sul tuo account IG: avrai la possibilità di fare trading 24 ore al giorno con un prodotto quotato e regolamentato, che ti consentirà di avere il pieno controllo del rischio e della leva finanziaria.

Scopri la nuova guida e inizia subito la tua attività di trading. Apri un conto reale o mettiti alla prova con un conto demo su IG in pochi passi:

  1. Crea un contro IG o accedi a un conto già esistente
  2. Inserisci il nome del prodotto su cui vuoi fare trading nella barra di ricerca
  3. Scegli la size della tua posizione
  4. Clicca su “buy” o “sell” nella piattaforma
  5. Conferma l’operazione

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri i primi certificati turbo al mondo quotati H24

  • Leva variabile a partire da 3x
  • Rischio limitato
  • Da zero commissioni*

*Viene applicata una commissione per le operazioni con nozionale inferiore a €100.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading