Prezzo del petrolio ai minimi da luglio 2017, al coronavirus si aggiunge l’incertezza dell’Opec

Resta da sciogliere il nodo della Russia, riottosa agli ulteriori tagli alla produzione invocati da Riad per tentare di contenere il calo del prezzo del greggio

Il piano concordato ieri dai membri dell’Opec continua a destare perplessità tra gli alleati, primi fra tutti Russia e Kazakhstan. Sembra che, in occasione dell’incontro ufficiale (da ieri i partecipanti sono a Vienna, sede centrale dell’organizzazione) questi ultimi si siano incontrati in una riunione a parte per stabilire una risposta ai membri ufficiali. I ritardi che ne sono derivati sui mercati si sono già tradotti in un drastico crollo del prezzo del greggio. Secondo indiscrezioni della stampa, sembra che la Russia si sia detta contraria ad assorbire ulteriori tagli.

Ieri la riunione tra i 13 membri dell’Opec si è conclusa con un piano per contrastare il calo del prezzo del petrolio, che negli ultimi giorni ha raggiunto minimi al di sotto dei 45 dollari al barile. Il piano, sponsorizzato soprattutto dall’Arabia Saudita, prevede ulteriori tagli alla produzione per 1,5 milioni di barili al giorno (che si andrebbero ad aggiungere ai 2,1 milioni di barili già disposti a inizio dicembre).

Oltre all’aumento dei tagli, l’Opec ha disposto anche la proroga di questi fino alla fine del 2020 – ulteriori sei mesi rispetto a quanto stabilito a inizio dicembre, quando i membri dell’organizzazione si erano impegnati a implementare tagli fino a marzo, successivamente diventato giugno 2020.

Perché il prezzo del petrolio sta precipitando?

È così che i principali paesi esportatori di petrolio cercano di contenere il drastico calo del prezzo del barile che si sta osservando nelle ultime settimane, dopo l’esplosione dell’epidemia di coronavirus.

La chiusura di fabbriche, aziende, scuole e uffici, con relativo calo dei trasporti interni, oltre alla riduzione dei voli causati dal coronavirus potrebbe infatti provocare la crisi peggiore per l’oro nero dal 2008. Uno studio condotto da Goldman Sachs ha stimato che, per mantenere il prezzo del petrolio su livelli competitivi, l’Opec dovrebbe disporre tagli per almeno un milione di barili al giorno – e comunque non basterebbe per salvare il prezzo del petrolio neanche per il secondo trimestre del 2020, in cui il barile si prevede ancora aggirarsi intorno ai 45 dollari l’uno. Soprattutto, il destino del prezzo del petrolio per il resto del 2020 è legato anche agli Stati Uniti, che non fanno parte dell’Opec

Il nodo della Russia

L’Opec sembra voler fare ancora di più: con la proposta di approfondire i tagli di ulteriori 1,5 milioni di barili al giorno, arriverebbe a un totale di 3,6 milioni di barili in meno dal dicembre 2019, ovvero il 3,6% della produzione globale. Agli stati non appartenenti all’Opec verrebbe richiesto un taglio di 500 mila barili al giorno.

Eppure, nulla è ancora ufficiale. A fare da bastian contrario è la Russia, che ancora non dà segni di voler firmare l’accordo raggiunto ieri. Il problema di Mosca si sostanzia nella questione dei condensati, ovvero un particolare tipo di petrolio si vorrebbe escludere dal conteggio dei tagli.

D’altra parte, la questione diventa prettamente economica e interna ai singoli paesi. Secondo una stima del Fondo Monetario Internazionale, l’Arabia Saudita avrebbe bisogno che il prezzo del barile arrivi almeno ad 80 dollari l’uno per compensare i costi della produzione sul bilancio; invece, per la Russia ne basterebbero solo 40.

Quali sono state le ripercussioni sul prezzo del petrolio?

L’incertezza, unita all’espandersi del coronavirus che minaccia sempre di più l’economia internazionale (oggi gli indici europei hanno aperto in area rossa, con ribassi di oltre il 2%, mentre anche gli indici Usa in apertura registravano cali intorno al 3%), ha provocato un crollo del prezzo del petrolio in mattinata. L’oro nero al momento viaggia in ribasso di oltre il 6%, a 42,80 dollari al barile (il Wti) e 46,62 (il Brent): ribassi del genere non si vedevano per quest’ultimo da almeno tre anni, dal giugno del 2017.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000 mercati.

  • Spread competitivi: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.