Petrolio in forte rialzo dopo attacchi del week end

I prezzi del petrolio sono saliti oltre il 10% nella notte in scia alle tensioni in Medio Oriente.

Provano a rientrare i prezzi del greggio dopo gli attacchi del week end ai due principali siti di produzione del gigante saudita Saudi Aramco. L’impatto comporterebbe, secondo le fonti, un ammanco di 5,7 milioni di barili al giorno. Un impatto questo che dovrebbe essere compensato però dal rilascio delle riserve strategiche da parte proprio dell’Arabia Saudita, ma anche degli Usa come ha fatto sapere il presidente Donald Trump.

Dopo l’apertura dei mercati, i prezzi del greggio sono schizzati fino a toccare rialzi compresi tra il 12-13% sui diversi contratti future, valori che non si vedevano dal 1990 per il Brent e dal 1998 per il WTI.

Prezzi del petrolio: quali aspettative ora?

Per rispondere a questa domanda occorre chiedersi cosa accadrà ora. Nonostante l’Arabia abbia fatto sapere che ci vorranno delle settimane per ripristinare i livelli produttivi, crediamo che il mercato globale riesca a fronteggiare un simile shock dell’offerta, sia attraverso il rilascio delle riserve strategiche sia attraverso un aumento della produzione. Potremmo dire che lo shock in sé per sé potrebbe aver già esaurito la sua portata con i movimenti delle ultime ore.

Piuttosto gli investitori guardano all’evoluzione delle tensioni geopolitiche tra Iran e Arabia Saudita. Difatti l'attacco del week end è solo l'ultimo di una serie di attacchi degli ultimi anni. L’ipotesi di un intervento armato potrebbe alimentare ulteriori rialzi dei prezzi del petrolio, che potrebbe arrivare anche a 80 dollari, se il conflitto dovesse vedere il coinvolgimenti di altri Paesi come gli Usa.

Se la situazione non sfocerà in un conflitto crediamo i prezzi possano rimanere confinati sotto la soglia dei 70 dollari/barile.

Una conferma di come la situazione appaia sotto controllo al momento arriva dal mondo fixed income. Probabilmente gli investitori giudicano tale movimento temporaneo, non in grado con di impattare sulle aspettative inflattive nel medio periodo. Anche sugli altri mercati, come i future sugli indici statunitensi, il movimento violento della notte sembra rientrare, con i cali che rimangono sotto al mezzo punti percentuale.

La situazione a Piazza Affari

A Milano, la crisi in Medio Oriente sta sostenendo i titoli del comparto energetico, gli unici in territorio positivo al momento. Su tutti spicca il balzo di ENI (+2,5%), SAIPEM (+2%) e TENARIS (+3,6%). In rosso tutti gli altri titoli, che risentono del generale clima di risk off, a cui ha contribuito anche il dato cinese sulla produzione industriale, cresciuta al livello più basso da 2002.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.