I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 79% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio.

Non-Farm Payrolls in forte aumento a 528k, disoccupazione in calo al 3,5%

Il dato sull’occupazione statunitense ha registrato un dato molto superiore alle attese indicando nuove strette all’orizzonte sui tassi di interesse.

I NFP hanno stupito le aspettative del consensus con una variazione mensile di 528mila occupati più del doppio delle previsioni ferme a 250mila. Il dato è maggiore anche rispetto al mese precedente dove i NFP avevano toccato il valore di 398mila.

Il risultato conferma però le dichiarazioni del governatore della FED Jerome Powell e della Segretaria del Tesoro Janet Yellen che alcune settimane fa avevano tranquillizzato i mercati riguardo alla tenuta di breve termine dell’economia statunitense.

Nonostante questo, la situazione è atipica con un mercato del lavoro forte anche se lo scorso dato sul PIL trimestrale aveva mostrato il secondo risultato negativo consecutivo portando dunque l’economia USA - formalmente - in recessione tecnica.

Infatti, gli Stati Uniti stanno affrontando un periodo di crescenti pressioni inflazionistiche che a giugno hanno toccato il picco di oltre 40 anni al +9,1%. Infatti, il surriscaldamento dell’economia e gli shock dal lato dell’offerta stanno creando un mix di cause che sta portando le pressioni inflazionistiche fuori controllo.

Di conseguenza la Federal Reserve ha iniziato, da marzo, ad introdurre un programma di rialzo dei tassi di interesse che al momento ha raggiunto il range del 2,25%-2,50%.

L’incremento di 75 punti base della scorsa riunione aveva rassicurato - in parte - le aspettative del mercato soprattutto dopo la dichiarazione di Powell che ha fatto intendere di una possibile rinormalizzazione della politica monetaria nel medio periodo sulla base dei futuri dati macroeconomici.

Nonostante ciò, il dato di oggi dimostra che - al contrario - l’economia statunitense è sempre più vicina alla piena occupazione e non accenna a rallentare visto inoltre che anche il tasso di disoccupazione è ulteriormente sceso al 3,5% dal 3,6% dei mesi precedenti.

La successione degli eventi sembra dunque seguire quella predetta da James Bullard, Presidente della Federal Reserve Bank di St. Louis, che ha dichiarato che ci saranno ulteriori rialzi dei tassi di interesse ma che l’economia statunitense non finirà in recessione.

Infatti, secondo Bullard: “La Federal Reserve sta cercando dei segnali chiari riguardo ad una discesa delle pressioni inflazionistiche, non solo un segno di flessione qua e là.”

A questo punto molti investitori stanno seguendo le indicazioni di Bullard e ormai si attendono ulteriori rialzi dei tassi di interesse nel medio termine fino ad un range di fine anno intorno al 3,75%-4%.

Gli effetti sui mercati

Alla pubblicazione del dato i mercati virano violentemente in negativo con Wall Street che perde oltre lo 0,5% mentre il NASDAQ scende dell’1%. Infatti, le aspettative di rialzo dei tassi di interesse sono cresciute e stanno preoccupando gli investitori che si aspettano una stretta troppo aggressiva da parte della FED.

Sul lato Forex, la coppia EUR/USD scende bruscamente dal livello di 1,0232 fino a quota 1,0154, un calo dello 0,8% in meno di un’ora. Il momentum ribassista è esacerbato dalle aspettative del consensus di un consistente rialzo dei tassi di interesse nel breve/medio periodo che porterà ad un ulteriore apprezzamento del biglietto verde.

Anche sul lato obbligazionario i titoli di stato USA mostrano un deciso calo del loro prezzo (e dunque un aumento del loro rendimento).

Le previsioni

Crediamo che una recessione negli Stati Uniti sia improbabile nel breve termine proprio a causa dei dati sull’occupazione molto incoraggianti. Le pressioni inflazionistiche potrebbero, invece, raggiungere il picco nei prossimi mesi grazie anche ad un parziale raffreddamento dei prezzi del petrolio.

Tuttavia, la FED continuerà, nelle prossime riunioni, a rialzare i tassi di interesse di almeno 75 punti base fino a quando non registrerà una decisa tendenza ribassista delle pressioni inflazionistiche.

Vuoi fare trading sui mercati internazionali?

Con i Turbo24 puoi fare trading sui maggiori indici internazionali tutto il giorno senza interruzioni. Otterrai un’esposizione sul mercato sottostante solo con un piccolo deposito iniziale.

Apri un conto reale o prova la demo per esercitarti con i Turbo24.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri nuove opportunità di trading

Con IG vai long o short su oltre 17.000 mercati. Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired
liveprices.javascriptrequired

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading