Prezzo petrolio ai minimi da due mesi: dopo può arrivare il greggio?

Dollaro forte, indici instabili, guerra commerciale in stallo, col grosso degli operatori di mercato che nell’incertezza ha trovato nel biglietto verde un porto sicuro. Crude Wti sotto i $60/barile. Brent: -3 dollari in poche ore

Petrolio greggio Fonte: Bloomberg

Prezzo del petrolio in rapido calo, col Crude tornato al di sotto dei 60 dollari al barile, sui minimi da due mesi. Movimento a ribasso anche per il Brent, che dall’avvio degli scambi giovedì ha perso attorno ai tre dollari al barile.

Prezzo petrolio: dollaro forte e scorte in crescita

USD forte, indici instabili e petrolio in calo, con il grosso degli operatori di mercato che, nell’incertezza globale, ha trovato nel biglietto verde un porto sicuro. Ad aggravare un trend settimanale negativo per le quotazioni della materia prima è stato il dato sulle scorte di greggio statunitensi, aumentate ieri ben oltre le attese di mercato (con 4,70 milioni di barili in più, rispetto ai 600 mila barili in meno delle stime). Ciò ha messo a tacere i timori di un rischio di offerta a breve termine e riacceso i timori di quali possibili effetti potrà avere sulla domanda globale la guerra commerciale Stati Uniti - Cina.

Nel primo pomeriggio di oggi i futures sul Wti hanno iniziato a calare fino a raggiungere ribassi attorno al 5,5%, a ridosso dei 58 dollari al barile. Di poco inferiore la variazione del Brent, in perdita del 4,5% poco sopra il supporto a 66,50 euro, attorno al quale la quotazione ha ruotato per l’intero mese di marzo.

Petrolio a ribasso: effetto guerra commerciale

In un mercato senza una chiara direzione, sono prevalse le vendite. A congelare l’operatività, spingendo alle prese di profitto, è stato anzitutto il nulla di fatto sul fronte commerciale, con gli Stati Uniti (nella persona del segretario di Stato Mike Pompeo) che non hanno in programma alcun altro viaggio in direzione Pechino per approfondire la questione dazi, e con la Cina che ancora non ha annunciato una mossa di contrattacco alle offensive statunitensi. A riaccendere la paura, più che lo scatto delle tariffe dal 10 al 25% su 200 miliardi di merci cinesi (lo scorso 10 maggio), la decisione di inserire Huawei nella lista nera delle società a rischio per la sicurezza nazionale, cui si sono accompagnati gli annunci di Google (Android), Intel, Qualcomm e Broadcom, che hanno interrotto acquisti e scambi col colosso tech del Dragone.

Petrolio e dati macro: focus Germania

Secondo una nota del Fondo Monetario Internazionale, la recente “escalation di guerra commerciale tra Washington e Pechino potrebbe intaccare in modo significativo il sentiment dei mercati finanziari e delle imprese, rivoluzionare le catene di approvvigionamento globali e mettere a repentaglio la ripresa della crescita mondiale 2019”.

Non aiutano nemmeno le notizie provenienti dall’Europa: la Germania ha registrato un indice PMI al di sotto della soglia di espansione (a 44,3) ed inferiore alle aspettative (44,8). Questo, unitamente al rallentamento del settore auto e al calo costante delle immatricolazioni, ha posto sotto la lente lo stato di salute dell’economia europea, in questi giorni impegnata con le elezioni parlamentari.

Prezzo petrolio: analisi tecnica

Rispetto ai valori correnti in area 58 dollari al barile, qualora il Wti scendesse ulteriormente, un primo livello di supporto si posiziona a $57,40 che, se bucato, porterebbe le quotazione in area $55,60. Nel caso di un’ulteriore estensione della flessione, il target dovrebbe posizionarsi a $54,60.

In direzione opposta, una ripresa dei prezzi al di sopra dei 60 dollari porterebbe il Crude in area $62,50-$62,70, con livello successivo a $63,80, sui massimi di maggio.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Investi sulle materie prime

Fai trading sui future delle materie prime e altri 27 mercati senza scadenza fissa.

  • Ampia selezione di principali metalli, energie e soft commodities
  • Spread a partire da 0,3 punti sull'oro spot, 2 punti sull'argento spot e 2,8 punti sul petrolio
  • Utilizza grafici continui, con storico fino a cinque anni

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.