Oro resiste sui 1.300 dollari e prepara l'attacco ai 1.400

Le tensioni sui mercati potrebbero superare l'effetto dollaro sul metallo prezioso.

bg_gold_bars_1261699
Fonte: Bloomberg

Resistere sopra la soglia dei 1.300 dollari/oncia l'oro, dopo l'assalto tentato ai 1.370 dollari a fine gennaio. Il metallo prezioso continua a essere guidato per lo più dal biglietto verde, che nelle ultime settimane ha avuto un andamento piuttosto altalenante. Solo in residua parte i movimenti sono stati associati a un cambiamento di atteggiamento degli operatori su inflazione e avversione al rischio. Ci aspettiamo che siano proprio quest'ultimi i driver per una ripresa di quota dei prezzi nei prossimi mesi, a scapito del dollaro.

Crediamo che l'effetto dollaro si assopisca un po' e le nubi che si stanno addensando sui mercati possano dare una spinta considerevole al metallo prezioso. Così i massimi di inizio anno dovrebbero essere aggiornati e le quotazioni potrebbero tornare sopra i 1.400 dollari. Se l'esclation delle tensioni dovesse avere come fulcro gli Stati Uniti, il deprezzamento del dollaro potrebbe accentuare tale movimento, riportando rapidamente l'oro a rivedere quota 1.500 dollari, livelli abbandonati ad aprile 2013.

Graficamente, l'impostazione rimane rialzista dato che i massimi e i minimi dell'ultimo anno sono crescenti. Il target principale rimane collocato a 1.370-1.380, massimi sia del 2014 che del 2016 e area di transito del secondo ritracciamento di Fibonacci nella discesa partita dai massimi storici di settembre 2011. Il livello successivo è collocato a 1.480-1.500 dollari, ovvero il nostro target annuale.

Indicazioni di debolezza si avrebbero con una discesa sotto i 1.300 dollari, bottom di febbraio. In tal caso, il metallo giallo potrebbe andare al test della trend line rialzista che unisce i minimi di dicembre 2015 con quelli di dicembre 2016. Sarà solo il cedimento di tale riferimento a compromettere il quadro grafico, con le vendite che potrebbero dilagare sino ad arrivare a 1.130 dollari.

XAUUSD-Settimanale

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.