Greggio: a luglio in forte discesa sotto i 70 dollari al barile

Le pressioni americane per un incremento della produzione portano il WTI Light Crude a scendere sotto i 70 dollari al barile, Brent a 74 dollari

bg_oil_9987
Fonte: Bloomberg

Forte tendenza ribassista per le quotazioni del petrolio. Da luglio la discesa è di quasi 10 punti percentuali. Solamente nella seduta odierna la flessione è stata di quasi 4 punti percentuali.

A contribuire al forte calo sono state le dichiarazioni del Segretario al Dipartimento del Tesoro, Steve Mnuchin, che ha annunciato la possibilità di non multare le compagnie internazionali che comprano petrolio dall’Iran. L’amministrazione Trump dopo la decisione di cancellare l’accordo sul nucleare con Teheran ha rimesso le sanzioni economiche sul paese mediorientale. La scelta di togliere i prodotti energetici sarebbe fatta per togliere il forte squilibrio dal lato dell’offerta nell’industria petrolifera.

Negli ultimi mesi abbiamo, infatti, assistito ad un forte aumento dei prezzi del greggio non solo sulla scia degli accordi sulla produzione ma su gravi problemi alla produzione di alcuni paesi.

In Libia continuano ad aumentare gli scontri tra le varie fazioni per il controllo dei pozzi petroliferi di Ras Lanuf, in Canada ci sono stati i problemi di Syncrude, in Venezuela è un caos totale tra rappresaglie contro il Governo Maduro e una economia al collasso, in Iran con le minacce dell’amministrazione Trump con le sanzioni economiche.

I problemi all'offerta hanno convinto alcuni paesi a produrre più petrolio per riequilibrare il mercato. Avevamo già forti dubbi che il rialzo evidenziato a giugno dopo il meeting di Vienna dell'OPEC+ potesse portare a un petrolio a 100 dollari al barile. I fondamentali non giustificavano un tale incremento.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.