Crisi Qatar: Tillerson incontra emiro Al Thani, prospettive su gas

Gli Stati Uniti provano a fare da mediatori tra i paesi arabi e il Qatar in modo da trovare una soluzione diplomatica alla crisi

bg_gas_flare_480270

La rottura tra paesi arabi (Egitto, Arabia Saudita, Yemen, Bahrein, Emirati Arabi Uniti) e Qatar ha destabilizzato completamente il Medio Oriente e sembra ancora troppo ampia per essere ricucita nel breve.

Gli Stati Uniti grazie all’intervento del segretario di Stato, Rex Tillerson, in visita nei paesi del Golfo, stanno cercando di porre rimedio a una delle peggiori crisi diplomatiche degli ultimi decenni.

Dopo la guerra in Yemen e in Siria le tensioni erano già elevate e le accuse dei paesi arabi al governo di Doha sono particolarmente pesanti (finanziare i gruppi estremisti jihadisti).

Anche se il principale problema per Doha è stato l’avvicinamento all’Iran principale nemico del re saudita Salman.

Il Qatar non è un grande produttore di petrolio (300 mila barili al giorno rispetto ai quasi 10 mln dell’Arabia Saudita) ma è tra i principali produttori di gas naturale e GPL (assieme a Stati Uniti, Russia, Canada e proprio Iran).

Al momento non ci sono stati particolari movimenti rialzisti sul mercato del gas anzi i vertici delle principali aziende qatariote di gas hanno avvertito della possibilità di un aumento della produzione del 30%.

Manteniamo le nostre aspettative ribassiste sul gas naturale con un target di medio periodo a 2,80 dollari.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.