Brent ai massimi da luglio 2015

Il greggio del Mar del Nord aggiorna massimi da oltre due anni a 61 dollari/barile, mentre il WTI attacca torna ai livelli di febbraio.

bg_oil_pump_7745
Fonte: Bloomberg

Si raffredda un po' la corsa del Oil - Brent Crude, che questa mattina ha aggiornato i massimi da luglio 2015, arrivando al test dei 61 dollari al barile. A fare da traino alle quotazioni sono le nuove indiscrezioni arrivate dall'Arabia Saudita e dalla Russia nel weekend che si sono dichiarate aperte a un'estensione del taglio alla produzione per altri 9 nove mesi. Una conferma è arrivata anche dal ministro dell'energia degli Emirati Arabi, Suhail al-Mazrouei, che ha confermato come una simile decisione sarà presa solo nel meeting OPEC del prossimo 30 novembre.

Il balzo dei prezzi del greggio ha interessato anche il WTI, con i prezzi che sono arrivati stamane a 54,50 dollari, picchi che non si vedevano da febbraio scorso. Nonostante ciò, lo spread con il Brent è tornato ad ampliarsi, avvicinandosi a 7 dollari, massimi da settembre. Proprio lo spread così ampio favorisce l'export dell'oro nero americano a scapito di quello europeo.

Non solo offerta. A guidare i prezzi potrebbero essere anche le nuove stime di crescita, che vedono l'attività economica di diverse regioni accelerare a ritmi che non si vedevano da diversi anni, come in Europa ad esempio.

Ad ogni modo, questa corsa del petrolio sta portando gli operatori a rivedere le stime per i prossimi mesi, con rialzi fino a 80 dollari. Siamo ancora abbastanza scettici. Al momento, ci aspettiamo che il Brent possa ritornare verso i 70 dollari al verificarsi di una serie di condizioni, tra cui:

  1. prosecuzione delle tensioni in Medio Oriente
  2. dollaro non particolarmente forte
  3. prolungamento dei tagli alla produzione di Paesi OPEC e non
  4. accelerazione dell'attività economica.

Il WTI dovrebbe proseguire a ruota posizionandosi intorno ai 65 dollari. La volatiltià sarà destinata comunque a rimanere alta.

Ricordiamo come il prezzo del petrolio sia strategico per le scelte delle Banche centrali. A tal proposito, se i prezzi dovessero stabilizzarsi sopra i 60 dollari, le prospettive inflattive potrebbero alzarsi e mettere pressione al comparto del fixed income.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.