Arabia Saudita: nuovi tagli a sostegno dei prezzi del petrolio. Greggio stabile

Arabia Saudita pronta ad un nuovo taglio di produzione da aprile. Output da 10,31 a 10 milioni di barili al giorno. Ridotta fornitura al Venezuela. L'Opec mira a sostenere le quotazioni del petrolio. Crude stabile sopra $56,50.

Fonte: Bloomberg

Sempre meno petrolio saudita sul mercato. Obiettivo: sostenere i prezzi del greggio in un contesto di domanda debole ed offerta ancora abbondante.

A confermare la notizia è stato il ministro dell'Energia, Khalid Al-Falih, che già a fine febbraio aveva paventato l’idea di un ulteriore taglio alla produzione da parte del primo produttore di petrolio dell’Opec, a fronte di una "tracotante" offerta americana. Gli Stati Uniti sono ad ora il primo paese esportatore di oro nero al mondo.

Arabia Saudita (Opec): nuovi tagli a sostegno del prezzo del petrolio

L'Arabia Saudita dovrebbe quindi annunciare, a partire da aprile, una nuova riduzione dei propri quantitativi mensili di petrolio. La mossa è l’ultima conferma da parte di una Riyadh determinata a riprendersi il controllo del mercato petrolifero, con i prezzi che ancora latitano ben al di sotto del livello auspicato dai membri dell'Opec+, Organizzazione dei principali produttori, assieme con la Russia.

L'Arabia Saudita prevede di produrre meno di 10 milioni di barili al giorno in aprile, un ritmo simile a quello di marzo, quando, da attese, i tagli riguarderanno 500 mila barili al giorno rispetto a quelli prodotti a febbraio. A dicembre, Riyadh ha ridotto la produzione a 10,31 milioni di barili al giorno. Non solo: col Venezuela in difficoltà (alla luce delle sanzioni statunitensi e dei blackout interni alla regione), i raffinatori locali di petrolio hanno inoltrato richieste di greggio saudita pari ad oltre 7,6 milioni di barili al giorno ad aprile. Il regno, tuttavia, ha deciso di fornire ai clienti d'oltremare meno di 7 milioni di barili al giorno, 635 mila meno della domanda.

Quotazioni del greggio nei tweet di Donald Trump

L'Arabia Saudita e altre nazioni interne all’Opec sono state provocate di recente dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha invitato i produttori attraverso un tweet ad adottare un approccio più rilassato circa la politica di tagli all’offerta. La risposta di Al-Falih al Tycoon è giunta in modo indiretto: "Ci stiamo aiutando a vicenda; venticinque paesi stanno adottando un approccio molto lento e misurato".

Secondo quanto riportato dal governo, le importazioni statunitensi di greggio saudita sono scese di 513.000 barili al giorno su una media di quattro settimane, il livello più basso dal 1986. L'anno scorso il regno ha esportato negli Stati Uniti in media 815.000 barili al giorno.

L’annuncio di tagli alla produzione più profondi di quanto concordato nel corso dell’ultimo meeting fa pensare che difficilmente l'Arabia Saudita farà ulteriori pressioni per un qualsiasi cambiamento di politica già dalla prossima riunione Opec+, prevista il 17 e 18 aprile a Vienna.

CL-Giornaliero

Mentre gli operatori restano a guardare quali saranno le sorti della finanza mondiale (di fronte ad indicatori macro che evidenziano il rallentamento economico in atto), il prezzo del Crude continua a muoversi poco al di sopra della soglia dei 56 dollari al barile. Analogo movimento per il Brent, che dalla metà di febbraio fluttua in un canale laterale compreso tra 65,50 e 67,50 dollari al barile.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.