Market Update: Caos Brexit, crolla la sterlina. Italia si aggrappa a Rousseau

Gli investitori iniziano a temere il peggio in vista del voto di questo pomeriggio al Parlamento inglese.

Borse europee in rosso con il sentiment del mercato che sembra essere appesantito da diversi fattori, tra cui qualche timore sulla guerra commerciale e la Brexit. Proprio su quest'ultimo punto sembrano essersi concentrati gli operatori in vista del voto di oggi che potrebbe concedere al Parlamento britannico di avere a disposizione la sessione di domani per far passare una legge che elimini la possibilità di no Deal. Lo stesso Boris Johnson ha fatto minacciato in caso di voto positivo di andare alle elezioni il prossimo 14 ottobre, evento questo che prevedrebbe comunque un voto di almeno i 2/3 del parlamento. Insomma, la questione si complica e nonostante sembri esserci l'intenzione di escludere un No Deal da parte dell'opposizione, gli investitori temono che Boris Johnson faccia sul serio. Da qui le vendite diffuse sulla sterlina, con il cambio vs dollaro sceso sotto 1,20, aggiornando i minimi dal flash crash di ottobre 2016.

Rimanendo sul fronte valutario, il super dollaro mostra i muscoli anche verso euro, scendendo stamani sotto l'area supportiva strategica, e aggiornando i nuovi minimi da maggio 2017, portando il Dollar Index ai massimi da quel periodo. Le vendite sarebbero giustificate dal continuo deterioramento del settore manifatturiero in europa, che ha visto la fiducia del settore scendere ad agosto ai livelli minimi dal 2012. A tal proposito, il forte ipercomprato del dollaro potrebbe rientrare oggi in concomitanza con la pubblicazione dei dati sugli indici PMI e ISM del settore manifatturiero. Un dato deludente potrebbe far scattare vendite fisiologiche con l'euro/dollaro che potrebbe rivedere area 1,10.

Infine, sull'Italia, è iniziato il voto sulla piattaforma Rousseau da parte degli iscritti pentastellati che dovrebbero votare l'approvazione al nuovo governo giallo rosso. I risultati dovrebbero arrivare nel tardo pomeriggio è potrebbero dare una spinta agli asset italiani in caso di esito positivo. In questo caso, Conte potrebbe sciogliere la riserva e chiedere la fiducia alle Camera già questa settimana.

Il risk off sta premiando i cosiddetti porti sicuri come yen, oro e bund, i cui rendimenti hanno aggiornato stamane i nuovi minimi storici a -0,74% sul decennale.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.