Piazza Affari, avvio 2019 in rosso. Sul FTSE Mib pesano le banche

Per l'indice italiano il 2018 è stato l'anno peggiore dal 2011. Tra i titoli in rosso, Ubi e Bper. Entra intanto nel vivo la Manovra di Bilancio 2019.

Index
Fonte: Bloomberg

Nuovo anno, stessa storia per il principale indice italiano, che avvia la prima giornata di contrattazioni del 2019 con un ribasso dell’1,7%. Per il listino tricolore, la performance 2018 è stata la peggiore dal 2011, con un ribasso superiore al 17% rispetto ai livelli d’inizio anno ed un calo del 24% rispetto ai massimi di gennaio.

Latitando sulla soglia dei 18000 punti, il primo supporto di riferimento resta il minimo del 26 dicembre, quando il mercato è tornato a tastare area 17600. Solo un ritorno sopra i 19000 si potrà ripristinare la fiducia in un movimento positivo.

Manovra di Bilancio 2019: i punti chiave

Come da attese, sullo scadere del 2018 è arrivato il via libera definitivo alla Manovra di Bilancio 2019, che ha ottenuto la fiducia alla Camera, non senza pesanti polemiche dalle opposizioni.

Tra i principali punti della disposizione, l’introduzione della web tax al 3% sui colossi digital e la flat tax al 15% per autonomi e professionisti a partita Iva (fino a 65mila euro).

E' stato inoltre disposto il taglio delle pensioni d’oro fino al 40%, lo stop all’aumento dell’Iva per l’anno 2019, sgravi per l’assunzione di giovani eccellenze, il taglio delle tariffe Inail e il raddoppio dell’Ires (per enti no profit).

Chiudono il quadro la tassa sui Suv in base alle emissioni e le agevolazioni per le auto meno inquinanti, nonché il saldo e stralcio Isee (fino a 20 mila euro).

Per l’entrata in vigore delle due disposizione chiave della manovra, reddito di cittadinanza e quota 100, si dovrà invece attendere ancora qualche settimana.

Piazza Affari: avvio di 2019 in rosso

E’ il rosso il colore predominante sui listini europei in avvio di 2019, con gli indici FTSE Mib, Cac 40 e Dax che si contendono il titolo di peggior paniere. Ad appesantire le borse, i bruschi cali registrati dai mercati dell'area Asia/Pacifico.

Passate le feste, i timori del 2018 sul mercato italiano sono tornati a farsi largo in maniera amplificata. A risentire dei ribassi sono stati anzitutto i titoli del settore bancario, con l’indice FTSE Italia All Share Banks in calo del 2,5%, appesantito dal -3,7% di Ubi Banca e Bper Banca e il -3,2% di Banco Bpm.

Tra i pochi titoli di giornata ad alzare la testa, la neo ingressa del FTSE Mib, Juventus, e le reti di distribuzione Snam e Terna. Sulla soglia della neutralità anche Enel.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.