Dow Jones nel limbo dei mercati: la reazione di Wall Street alle tensioni Usa-Cina

Wall Street non reagisce a Donald Trump: "Non siamo ancora pronti" per un accordo con la Cina. Dopo la chiusura di ieri per il Memorial Day, i tre indici Usa aprono in positivo: cosa muove il Dow? Cosa il Nasdaq? Cosa l'S&P500?

Wall Street Fonte: Bloomberg

Wall Street non risente delle dichiarazioni di Donald Trump ed apre la settimana in territorio positivo. Dopo la chiusura di ieri per la festività del Memorial Day, i tre indici a stelle e strisce hanno dato il buongiorno ad un mercato in attesa di ulteriori risposte.

Usa-Cina lontani dall'accordo

Stati Uniti e Cina sarebbero ancora lontani dal trovare un accordo: il tentativo cinese di rinegoziare il testo sul tavolo da fine aprile ha spinto Washington ad adottare nuovamente la linea dura. “Non siamo ancora pronti” ad un deal con Pechino, ha affermato ieri Donald Trump, che ha però confermato l'intenzione di venirsi incontro nel futuro prossimo.

Il mercato rimane così in un limbo, con un dollaro che si conferma stabilmente forte contro le principali divise internazionali ed un petrolio Wti che ancora non riesce ad affermarsi al di sopra dei 60 dollari al barile, principalmente spinto a ribasso dal timore che, ancora una volta, i livelli di scorte sul mercato crescano più velocemente dei livelli di domanda.

Indice Dow Jones: come si calcola

Contrariamente al grosso degli altri panieri principali, il Dow Jones è ponderato in base al prezzo; in altre parole, le azioni con le quotazioni azionarie più alte pesano di più all’interno dell’indice. Al contrario, il tecnologico Nasdaq e lo S&P500 si basano su un sistema di calcolo ponderato sulla capitalizzazione di mercato: il valore dell’indice è quindi pari al valore complessivo dei pesi delle azioni di ciascuna realtà che lo compone.

A conti fatti, se gli ultimi due panieri offrono una visione più chiara circa l’impatto di un determinato evento di mercato sul pacchetto dei titoli contenuti al suo interno, i movimenti del Dow Jones (che racchiude il grosso dei colossi industriali a stelle e strisce) sono spesso significativi di come si stiano muovendo le aziende più prezzate dell’indice.

Indici a Wall Street: un 2019 positivo

Nel caso di specie, a partire da inizio anno il Dow ha registrato una performance positiva dell’11,4%, inferiore al +14% dell’indice S&P500 e al +18% portato a casa dal Nasdaq, sulla cui performance ha impattato negativamente il -43% ytd di Tesla, sul quale ha pesato il triplo taglio della forza lavoro consecutivo, nonché la difficoltà del gruppo di aggiudicarsi una propria fetta di mercato nel settore auto di elevato standard. Meglio ha fatto invece Facebook, nella top10 delle aziende più performanti, grazie alla spinta del canale Instagram e le entrate da advertising.

Tra i nomi noti del paniere S&P500 spicca invece il rosso di Kraft Heinz (-31%), nome caro all’oracolo di Omaha, Warren Buffett, che ha risentito in parte della nuova propensione dei consumatori americani al cibo sano e fresco.

Sul Dow, infine, si rilevano i movimenti positivi da gennaio ad oggi di Cisco, American Express, Microsoft e Visa, tutte al di sopra del 25%.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.