Dax al test delle Europee 2019: tornano i timori sul post-Merkel

Indice di Francoforte positivo di circa mezzo punto percentuale nel giorno successivo al voto europeo. Quali sono stati i risultati registrati dalla Germania? In che modo l'esito elettorale può impattare sul corso dei mercati?

Fonte: Bloomberg

Indice di Francoforte positivo di circa mezzo punto percentuale nel giorno successivo al voto europeo. Quali sono stati i risultati registrati dalla Germania? In che modo l'esito elettorale può impattare sul corso dei mercati?

Dax: performance da inizio anno

A partire da inizio anno l’indice Dax ha registrato una performance positiva del 15%, attestandosi poco al di sopra del livello a 12.000 punti. La quotazione del paniere tedesco rimane inclusa all’interno del canale ascendente in essere da fine 2018, che ha raggiunto il suo picco massimo lo scorso 3 maggio, al test dei 12.500 punti (12.465). Francoforte ha quindi confermato la tenuta del supporto dinamico a quota 11920 lo scorso giovedì, quando il paniere ha concluso gli scambi in calo dell’1,8% (il peggior calo da inizio febbraio) sull’inasprirsi delle tensioni tra Stati Uniti e Cina.

La Germania, locomotrice d’Europa, è stata tra le prime a risentire del mancato accordo commerciale tra le due super-economie tra occidente ed oriente, che attuando una politica fatta di rivendicazioni e contromosse, stanno penalizzando i principali settori su cui poggiano le economie nazionali. Tra questi, quello dell' industria, dell'automotive e della tecnologia.

Sebbene l’avversione per il rischio degli operatori abbia generato prese di profitto sui principali titoli quotati a Francoforte, parallelamente esso ha spinto ad un nuovo acquisto di titoli di Stato nazionali, col Bund tornato a rendere sui minimi da circa due anni e mezzo (fine settembre 2016), in negativo a -0,131.

Europee 2019: schiaffo a Merkel

Il voto europeo di ieri ha infuso qualche dubbio in più circa la tenuta futura leadership tedesca, che fino al 2021 rimarrà sotto la guida della cancelliera, Angela Merkel. Merkel ha rifiutato di ricandidarsi alla guida del proprio partito, il Cdu. Non solo: mettendo a tacere le indiscrezioni che la vedevano destinata alla presidenza del Consiglio europeo (come successore di Donald Tusk), la Premier tedesca ha detto di “non essere a disposizione per un altro incarico politico, né in Germania né in Europa”.

Similmente a quanto accaduto in molte delle principali nazioni europee, la Germania ha registrato ieri un calo delle preferenze per i partiti tradizionali, a vantaggio dei verdi, con gli ambientalisti dell’Spd, al secondo posto col 15,8% dei voti. L'Unione Cdu-Csu di Angela Merkel si è confermata prima forza politica al 28,9% (il 6,4% in meno rispetto al 2014), lasciandosi però dietro voti importanti. In crescita, seppur sotto il boom atteso, i populisti della destra Afd. Tra i numeri in evidenza, il dato sull’affluenza alle urne, che ha toccato un record al 60%.

Calendario economico settimanale

Sul fronte macro, la giornata odierna non ha visto la pubblicazione di nessun dato particolarmente rilevante per la Germania. Mercoledì l’economia di Francoforte aggiornerà i livelli di disoccupazione per il mese di maggio; venerdì sarà invece la volta delle vendite al dettaglio di aprile.

In termini di performance year to date, Adidas ha fatto meglio di tutti gli altri titoli dell'indice, con una performance superiore al 43%; all’estremo opposto, il colosso dell’acciaio, ThyssenKrupp, che da gennaio ad oggi ha perso circa il 20% e la cui variazione rispetto a maggio 2018 ha registrato un calo del 47%, poco sopra il -44,5% di Bayer: sulla prima delle due aziende ha pesato il rallentamento della Cina e, in generale, della produttività e dell’industria mondiale; la seconda ha invece dovuto fare i conti con gli effetti legati all’acquisizione di Monsanto, e alla schiera di cause intentate contro il prodotto di punta di quest’ultima, RoundUp, la cui esposizione prolungata risulterebbe cancerogena per gli utilizzatori.

A livelllo settimanale, tra i titoli peggiori dell’indice spicca Daimler, player del comparto automotive che ha risentito particolarmente dell’inasprirsi delle tensioni commerciali volute dagli Stati Uniti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.