Apple e Yen scatenano le vendite a Tokyo. Nikkei in calo, recupera la Cina

Indice giapponese male in apertura di 2019. Pesano i ribassi di Wall Street, il warning di Cupertino e i timori sugli sviluppi commerciali Trump-Xi. Male i titoli tecnologici.

Indice Tokyo
Fonte: Bloomberg

Tokyo apre il 2019 con un calo del 2,25%, dopo aver avviato le negoziazioni in area -3,6%. Meglio invece le borse asiatiche, coi listini cinesi che recuperano terreno dopo i ribassi delle passate sedute.

Dopo tre giorni di chiusura, il paniere delle 225 società giapponesi più capitalizzate ha riaperto i battenti, scontando venerdì il pesante ribasso di Wall Street, i cui listini (S&P500, Dow Jones e Nasdaq) hanno chiuso ieri in rosso con ribassi tra il 2,5 e 3%.

Ad originare le vendite in Giappone sono state le preoccupazioni di tenuta economica e di rallentamento della crescita globale, sia produttiva, che della domanda. Non solo: a gravare sul listino è stata anche la dinamica di apprezzamento dello yen, che in pochi secondi ha portato nella notte di ieri la divisa nipponica ad apprezzarsi contro dollaro del 4,4%, ai massimi dal marzo 2018. Oltre allo yen, gli investitori hanno intensificato i propri acquisti sull’oro, tornato sopra area $1290 e sintomatico di una rpiazza alla ricerca di un “rifugio”.

Tra i titoli più colpiti del mercato, il settore tecnologico. Dopo il lancio del revenue warning, Apple ha scontato ieri sul listino americano una delle peggior giornate mai registrate da Cupertino, sotto di quasi dieci punti percentuali. Il titolo risulta a oggi il peggiore dell’indice Dow Jones su base sia settimanale che mensile (con un calo superiore al 19%).

A Tokyo, a spiccare è stato infine il ribasso dei semiconduttori di Sumco (-6%), mentre i titoli finanziari sono riusciti a contenere i movimenti a ribasso.

Per le borse del mercato asiatico le giornate di lunedì e martedì prossimo saranno cruciali: una delegazione di rappresentanti americani (dietro la guida del vice-rappresentante al Commercio, Jeffrey Gerrish, si recherà infatti a Pechino per un “dialogo costruttivo” volto a raggiungere un accordo commerciale che ponga fine alle tensioni sugli scambi internazionali. Sebbene il presidente Trump abbia confermato che buoni progressi sono stati fatti, non è ancora chiaro se la Cina accetterà alcune richieste statunitensi sull’accesso ai mercati di riferimento e ai presunti abusi cinesi di proprietà intellettuale.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.