Indici globali trattengono il fiato, oltre 3 milioni di contagi negli Usa

Apertura in ribasso per gli indici europei, Piazza Affari la migliore ma comunque sotto la parità (-0,02%). Preoccupa la situazione Covid-19 negli Usa, Trump avvia il procedimento per uscire dall'Oms

L’aveva annunciato verso la fine di maggio, oggi il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha ufficializzato la decisione: entro il 6 luglio 2021, gli Usa non faranno più parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

La notizia arriva proprio nel momento in cui i nuovi contagli negli States viaggiano a quota tre milioni, con 46 mila nuovi casi nelle ultime 24 ore. È proprio la rinnovata preoccupazione per l’espandersi del Covid-19 che pressa gli indici globali, con la sola eccezione di quelli cinesi – pilotati al rialzo dall’ottimismo con cui i media statali annunciano un pronto ritorno del mercato a una fase rialzista.

Come si è conclusa la giornata sugli indici asiatici?

In controtendenza rispetto al resto degli azionari infatti proseguono i guadagni sulle Borse cinesi: Shanghai ha chiuso la sessione di mercoledì in rialzo dell’1,74%, Shenzhen guadagna l’1,95%, China A50 lo 0,98%.

L’indice Msci Asia-Pacifico escluso il Giappone, che ieri aveva raggiunto il massimo da quattro mesi e mezzo, torna a virare in ribasso (-0,86%) mentre anche in Giappone il Nikkei scende dello 0,78% e l’indice Topix perde lo 0,92%.

In calo anche il Kospi coreano, che lascia sul terreno lo 0,24%, mentre l’Hang Seng si mantiene al di sopra della parità, a +0,46%. In seguito alla legge sulla sicurezza nazionale varata da Pechino su Hong Kong e alle tensioni geopolitiche che ne sono derivate, negli Usa sembra farsi strada l’ipotesi di intervenire sul dollaro di Hong Kong, limitando la capacità delle banche dell’ex colonia britannica di comprare dollari Usa, limitandone così l’ancoraggio al biglietto verde.

Cosa si prevede oggi su Wall Street?

Solo la California ieri ha riportato oltre 10 mila nuovi casi di Covid-19, superando il record di contagi in una singola giornata, mentre lo scontro sull’appartenenza o meno all’Oms diventa politico – Trump ha appena dato il via al ritiro degli Usa dall’organizzazione, il rivale alle presidenziali del 3 novembre Joe Biden ha annunciato che, se eletto, ritirerà la richiesta di uscita.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sui mercati oppure esercitati prima con un conto demo

Dopo una giornata dagli indici statunitensi frazionata, ieri, quando il Dow Jones ha perso 1,51%, l’S&P 500 l’1,08% e anche il Nasdaq ha lasciato indietro lo 0,86%, al momento i futures viaggiano in ribasso, con il Dow Jones che perde 396 punti, l’S&P scende di 34,40 punti e il Nasdaq di 89,76.

Giornata pover di dati macro, se non per le scorte settimanali di petrolio Usa. Si torna a temere il rischio di eccedenze, soprattutto dopo che, nelle ultime settimane, l’avversione al rischio provocata dall’aumentare dei casi di Covid-19 negli Stati Uniti si è riflettuta anche sui prezzi del greggio. Il petrolio resta infatti sopra la soglia dei 40 dollari al barile, ma registra una flessione rispettivamente il Wti dello 0,20%, scendendo a 40,54 dollari al barile, il Brent dello 0,21%, a 42,99 dollari al barile.

Sul fronte del mercato valutario invece la stessa dinamica si traduce in un generale rafforzamento del dollaro, sebbene nelle ultime ore il cambio USD/JPY sia sceso quota 107,475, mentre la coppia valutaria EUR/USD viaggia a 1,1286. L’euro segna rialzi anche nei confronti della sterlina, EUR/GBP viaggia a quota 0,8993.

Continua a muoversi sopra i massimi da otto anni l’oro, che ieri ha sfiorato quota 1.797 dollari l’oncia.

Come si stanno muovendo gli indici europei?

Ribassi in apertura per gli azionari europei, che scontano ancora le cattive previsioni economiche pubblicate ieri dalla Commissione Europea oltre alla minaccia Covid-19. E così in Francia il Cac40 perde lo 0,42%, in Germania il Dax lascia sul terreno lo 0,24%, male anche Londra che perde lo 0,13% e Madrid, la peggiore, in ribasso dell’1,04%.

La migliore, come ieri, è Piazza Affari, che tuttavia viaggia in ribasso dello 0,02%. A guidare gli acquisti Snam (+1,3% a 4,5 euro), Hera (+1,28% a 3,33 euro) e Telecom (+1,15% a 0,35 euro). Scivola del 2% Banca Generali dopo il coinvolgimento dell'istituto nel caso, emerso con una inchiesta del Financial Times, delle cartolarizzazioni con sottostante crediti legati a società riferibili a organizzazioni criminali.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Scopri le opportunità di trading

Con IG vai long o short su oltre 17.000.

Scegli la nostra piattaforma pluripremiata per fare trading con spread ridotti su indici, azioni, materie prime e molto altro.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.