Indici europei tentano il rimbalzo sulla scia del nuovo QE della BCE

“Non ci sarà alcun limite per salvare l’euro”: Lagarde stanzia 750 miliardi in acquisti fino alla fine dell’anno, nel tentativo di salvare i mercati. Piazza Affari la migliore tra gli indici europei, in rialzo di oltre il 2%

Si è conclusa stanotte la riunione straordinaria della Banca centrale europea, dopo il caos della settimana scorsa che ha fatto sprofondare gli indici europei fino a far raggiungere a Piazza Affari i minimi storici. La conclusione: un nuovo programma di acquisto dalla capacità di 750 miliardi di euro, che include tutti gli asset già previsti dal programma APP più titoli di stato greci finora esclusi a causa di mancanza dei requisiti.

Il programma, Pandemic emergency purchase programme (Pepp) è temporaneo e durerà fino alla fine dell’anno – quando si stima che l’Europa possa essersi lasciata alle spalle la pandemia di coronavirus.

“Non ci sarà alcun limite per salvare l’euro”, ha dichiarato la presidente della Bce, Christine Lagarde, al termine della videoconferenza che ha riunito i governatori delle Banche centrali dell’eurozona.

Cosa prevede nello specifico il nuovo Quantitative Easing?

Il comunicato, rilasciato poco dopo la mezzanotte, annuncia “l’avvio di un nuovo programma di acquisto temporaneo di titoli del settore pubblico e privato per contrastare i gravi rischi per il meccanismo di trasmissione della politica monetaria e le prospettive per l'area dell'euro rappresentate dall'epidemia e dalla crescente diffusione del coronavirus, COVID-19”.

La maggiore flessibilità permette di includere titoli che non incontrano i requisiti del programma APP, oltre a quelli non bancari per finanziare le imprese. Inoltre, qualora nel breve-medio termine le misure decise stanotte non dovessero risultare sufficienti, si affianca a un allentamento nel programma di acquisto dei titoli di stato (dunque anche quelli italiani).

Saranno idonei all’acquisto “tutti gli articoli commerciali di qualità creditizia”, così da “facilitare gli standard delle garanzie regolando i principali parametri di rischio”. Il programma è dunque rivolto a tutti gli attori del sistema economico della zona euro: banche centrali, ma anche governi, imprese e famiglie.

A rassicurare i mercati è comunque la possibilità, stabilita dallo stesso consiglio direttivo dell’istituto centrale europeo, di rivedere i limiti autoimposti, “nella misura necessaria a rendere la sua azione proporzionata ai rischi che affrontiamo”.

Come si sta muovendo la Bce davanti alla crisi coronavirus?

L’annuncio arriva dopo i dubbi di ieri riguardo alle potenzialità della Banca centrale europea. Il governatore della Banca centrale austriaca, Robert Holzman, ieri mattina aveva infatti sollevato della perplessità sulla reale capacità della politica monetaria, ritenendo che stesse raggiungendo i propri limiti e provocando, di rimando, un crollo dei mercati prima che Lagarde non intervenisse a correggere il tiro.

La corsa della Bce è anche a raggiungere il target di inflazione, che secondo i dettami dell’istituto centrale deve essere “pari o vicina” al 2% e che, invece a febbraio è scesa in tutta l’Eurozona all’1,2%, in contrazione rispetto ai valori di gennaio (1,4%) e a quello anno su anno (a febbraio 2019 era a 1,5%).

Solo ieri, il vicepresidente della Bce, Luis de Guindos, aveva dichiarato che la crisi in corso è “anzitutto sanitaria” e che, dunque, la responsabilità principale è in capo ai governi nazionali. Torna in discussione la prospettiva di uno strumento di bilancio comune in capo alla Bce, nell’ambito del funzionamento del Meccanismo europeo di stabilità, in grado di fornire ai paesi membri anche la possibilità di adottare misure non solo monetarie, ma anche fiscali, comuni.

Come hanno reagito i listini europei?

La misura sta già avendo effetto sui listini europei. Nonostante la chiusura in negativo di Wall Street ieri, che ha trainato al ribasso anche i listini asiatici, le piazze europee hanno aperto in area positiva e sembrano mantenere i rialzi – salvo poche eccezioni.

Parigi viaggia attualmente a quota +1,09%, Madrid + 1,15% e Milano recupera con +2,08%. Segna invece un leggero ribasso il Dax tedesco, a -0,54%, mentre fuori dall’Eurozona Londra perde l’1,19%.

Apri un conto reale con IG per iniziare a fare trading sui mercati oppure esercitati prima con un conto demo.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000 mercati.

  • Spread competitivi: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 76% di conti al dettaglio perdono denaro nelle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.