Indice Dow Jones oggi in calo nonostante la mossa della Fed

Quantitative Easing illimitato, solo la prossima settimana si prevedono oltre 600 miliardi di dollari: eppure il mancato accordo al Senato sul nuovo pacchetto di stimoli alle imprese fa scendere il Dow Jones a oltre -3%

Fallisce il rimbalzo del Dow Jones a Wall Street. Già da stamattina i futures viaggiavano in ribasso, spinti dall’incertezza sulla proposta di legge in discussione al Senato e dall’opposizione dei democratici alle misure di stimolo proposte dai repubblicani per imprese.

Come si stanno preparando gli Usa alla pandemia di coronavirus?

Alla fine della settimana scorsa il portavoce del partito Repubblicano al Senato, Mitch McConnell, aveva avanzato la proposta di un assegno familiare da corrispondere a ciascuna famiglia sul cui reddito le misure di lockdown avrebbero impattato.

Il pacchetto allo studio del Senato prevedeva misure per 100 mila miliardi di dollari, ma il pomo della discordia gira attorno ai 208 miliardi di dollari da stanziare a favore delle aziende. I democratici temono infatti che vengano utilizzati per aumentare i profitti delle imprese, piuttosto che per sostenere le famiglie dei lavoratori lasciati a casa per via dello stop alle attività non essenziali.

Cosa ha annunciato la Fed?

D’altra parte, a quanto pare non è bastato neanche l’annuncio di un’ennesima iniezione di liquidità da parte della Federal Reserve per ridare slancio ai listini. In mattinata infatti, prima ancora dell’apertura di Wall Street, il Federal Open Market Committee ha annunciato un allargamento del piano di acquisto di Titoli del tesoro e di quelli ipotecari implementato la settimana scorsa, quando la Banca centrale Usa aveva disposto iniezioni di liquidità per un massimo di 700 miliardi di dollari.

Stamattina invece l’istituto ha rivisto al rialzo le proprie previsioni, disponendo misure di Quantitative Easing potenzialmente illimitate: per questa settimana sono previsti 375 acquisti di Titoli del Tesoro e 250 miliardi di dollari di titoli ipotecari, a cui si aggiungono altri acquisti di titoli commerciali emessi da enti sostenuti dal governo, al fine di “limitare le perdite di posti di lavoro e di reddito e per promuovere una rapida ripresa una volta che le perturbazioni si saranno ridotte” (come si legge nel comunicato).

Approvati inoltre sostegni alle imprese per 300 miliardi di dollari in nuovi finanziamenti, mentre il Tesoro coprirà eventuali perdite con 30 miliardi di dollari.

Cosa si prevede per l’economia Usa davanti alla minaccia coronavirus?

Domenica sera il presidente della Federal Reserve di Saint Louis, James Bullard, ha previsto una contrazione dell’economia Usa della metà nel secondo trimestre 2020.

Si calcola che circa un terzo degli americani verrà colpito dalle nuove misure restrittive e già si fanno previsioni per i sussidi di disoccupazione che verranno richiesti – solo in California, domenica sono state annunciate centinaia di migliaia di richieste.

Come hanno reagito i mercati?

Per quanto la misura della Fed sia stata aggressiva (come annunciato nel comunicato dell’istituto centrale), comunque non è bastata per trainare al rialzo gli indici di Wall Street, che scontano ancora il timore nel breve termine delle misure di lockdown. All’apertura della Borsa di New York, solo il Nasdaq ha tentato un timido rialzo, attualmente quest’ultimo viaggia in leggero rialzo dello 0,13%, mentre il Dow Jones perde l'1,48%% e l’S&P500 l'1,53%.

Chiusura in area negativa anche i listini europei: Parigi -3,61%, Londra – 4,07%, Francoforte -2,48% e Milano -1,17%.

In leggero rialzo invece il cambio EUR/USD che, dopo essere schizzato di oltre un punto percentuale in mattinata, segna 1,0748.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Volatilità sui mercati

Fai trading con IG su oltre 17.000 mercati.

  • Spread competitivi: spread da 0,4 punti sugli indici, da 0,6 sul forex e da 0,3 su materie prime
  • Stop garantiti: imposta un livello a cui chiudere la posizione per tutelarti da eventuali gap di mercato e slippage
  • Turbo24: scegli la tua leva e il rischio con un prodotto quotato, liquido e trasparente, disponibile H24

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 68% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.