Hong Kong, Pil in contrazione per la prima volta in 10 anni

Le proteste, che ormai proseguono da circa cinque mesi, cominciano a far sentire il proprio impatto sull’economia dell’ex colonia, che entra ufficialmente in recessione

Il risultato era chiaramente atteso, soprattutto dopo cinque mesi di proteste diffuse nell’intera città di Hong Kong. Per la prima volta dal 2009, il Pil dell’ex colonia britannica registra una contrazione: il terzo trimestre si chiude con un risultato di - 3,2% su base destagionalizzata, in linea con le attese; mentre, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, il prodotto interno lordo è diminuito del 2,9%.

Il governo ha inoltre rivisto le stime sulla crescita, ma neanche in questo caso i numeri sono incoraggianti: nel futuro ci si aspetta un’ulteriore contrazione dell’1,3%, mentre ad agosto si sperava ancora in un incremento (sebbene contenuto, non oltre l’1%).

La conseguenza di mesi di proteste

Hong Kong, tra le principali economie asiatiche, entra quindi ufficialmente in recessione tecnica. Prevedibile, per un territorio vessato da mesi da proteste in strada che si fanno sempre più violente – solo qualche giorno fa si è registrata la prima vittima, uno spazzino di 70 anni rimasto coinvolto negli scontri tra la polizia e i manifestanti.

Le autorità governative stanno prendendo misure sempre più restrittive per contenere il movimento di protesta. Si parla ormai di coprifuoco, per quanto le conseguenze potrebbero essere ancora peggiori di quanto registrato finora. Il primo effetto l’ha scontato il settore turistico (meno turisti, meno consumi), ma non solo: con le proteste diffuse in tutta l’area urbana, a risentirne sono anche i negozi e, in generale, le vendite.

“Nel terzo trimestre la domanda interna è peggiorata in maniera significativa, poiché gli incidenti locali hanno provocato un aumento dei prezzi nelle attività legate ai consumi e le prospettive economiche contenute hanno pesato sui consumi e sul sentiment degli investitori”, hanno comunicato con una nota fonti governative.

Perché i cittadini di Hong Kong stanno protestando?

È iniziato tutto con la proposta di un emendamento sulla legge che intendeva rendere possibile, in alcuni casi, l’estradizione in Cina continentale – nonostante l’assenza di accordi bilaterali che disciplinassero tale fattispecie.

È stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: il timore che, tramite l’emendamento, il governo cinese potesse raggiungere dissidenti politici e dare adito a violazioni dei diritti umani, si aggiunge a un portato di rapporti sempre più tesi da quando, nel 1997, l’ex colonia ha guadagnato l’autonomia dal Regno Unito. In ballo infatti c’è il grado di autonomia della penisola dalla Cina: secondo quanto negoziato ai tempi, infatti, Hong Kong perderà i propri standard di autonomia nel 2047.

Cosa c’entra la guerra commerciale Cina-Usa?

L’emendamento in realtà è stato ritirato da Carrie Lam, governatrice di Hong Kong, ma le proteste non accennano a diminuire – prestandosi alle più svariate interpretazioni. È il caso ad esempio degli attriti tra Cine e Stati Uniti sulla guerra dei dazi, che tiene le due super potenze impegnate in uno scontro commerciale da ormai 16 mesi. In più occasioni infatti Pechino ha accusato gli Stati Uniti di esercitare pressioni e influenze sui manifestanti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

La guerra commerciale globale di Trump

Tutto quello che devi sapere sullo scontro tra Trump e la Cina.

  • Cos'è successo sino ad ora?
  • Azioni, petrolio e altri mercati da monitorare
  • Come sfruttare al meglio la volatilità

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.