Generali: quattro notizie da sapere prima dell’uscita delle trimestrali

Il futuro del gruppo è legato al business plan in discussione il 20 novembre: timido ottimismo tra gli analisti

Come si presenta il settore?

Grande fibrillazioni nel grattacielo di Generali in vista della pubblicazione dei dati trimestrali, prevista per dopo domani. A Philippe Donnet, amministratore delegato del gruppo, sembra infatti piacere l’idea di prender il posto del suo competitor francese Axa in Europa orientale.

Nell’aria gira infatti odore di cessione, per lo più in vista di un rafforzamento della propria posizione a est (Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia), dove per altro Generali è già la prima per presenza. Dal canto suo, Axa guada con favore a un allargamento del proprio bacino in Asia (oltre che in America Latina, su cui starebbe già lavorando), sacrificando posizioni nell’est Europa proprio come ha già fatto per quelle in Ucraina, Serbia e Azerbaijan.

Cosa si prevede per il terzo trimestre?

Presumibilmente i dati in uscita domani rifletteranno la strategia “Generali 2021”, le cui priorità sono il consolidamento della leadership in Europa, il rafforzamento nei mercati ad alto potenziale, l’ottimizzazione finanziaria, l’innovazione e la trasformazione digitale del modello operativo.

Nell’outlook allegato all’ultima trimestrale, quella relativa al periodo marzo-giugno, il Gruppo sottolinea le difficoltà che si prospettano per il futuro e che impatteranno sui conti futuri – principalmente l’instabilità economica dovuta alla guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, che ha provocato un rallentamento globale, oltre all’incertezza dovuta alla Brexit e “una debolezza economica nei paesi industrializzati”.

Gli esperti ritengono comunque plausibile un incremento della redditività del gruppo, soprattutto a lungo termine (tra il 2019 e il 2021). Intanto, i prossimi appuntamenti potrebbero rivelarsi fondamentali per delineare il nuovo piano industriale del gruppo: il 7 e 8 novembre infatti i soci della compagnia di Trieste si incontreranno a Monaco di Baviera per “fare il punto” del business plan, in attesa del secondo appuntamento, quello del 20 novembre, quando il consiglio d’amministrazione firmerà il nuovo piano industriale.

I dati del 2019

I dati ufficiali verranno rilasciati solo dopo domani. Il gruppo assicurativo si presenta comunque forte all’appuntamento, con un utile netto al 30 giugno 2019 pari a 1,8 miliardi di euro (il 34,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2018) e 35,72 miliardi di euro in premi totali emessi, divisi tra premi sulla vita (24,32 miliardi) e danni (11.04 miliardi di euro).

Il risultato operativo nel secondo semestre è aumentato del 7,6%, raggiungendo la cifra di 2,7 miliardi.

Come si presenta il titolo in Borsa?

I titoli del Assicurazioni Generali hanno chiuso oggi con un guadagno di mezzo punto percentuale, con il titolo che si è fermato a 18,60 euro. Gli analisti di Morgan Stanley danno di Generali un giudizio neutrale e un prezzo obiettivo di 18,5 euro.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Cogli le opportunità del mercato azionario

Vai long o short su migliaia di titoli globali.

  • Aumenta la tua esposizione nel mercato con la leva
  • Spread a partire da solo 0,1% sui principali indici globali
  • Fai trading con i CFD direttamente nel book di negoziazione con accesso diretto al mercato

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 68% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.