FTSE Mib stabile in attesa di sviluppi su Brexit. Intanto Ue chiede chiarimenti su Def

Brexit e rapporti Usa-Cina tengono le Borse europee in stand-by. Intanto, per Bruxelles la spesa pubblica italiana è ancora troppo alta

Giornate poco mosse per gli Indici europei, in attesa di sviluppi sulla guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, da una parte, e sulla Brexit dall’altra. Valori per lo più stabili: Parigi (France 40) guadagna lo 0,03%, Francoforte lo 0,08%, Madrid (IBEX Global Solutions PLC) perde lo 0,36%. Intorno allo zero anche il Ftse Mib (Italy 40, +0,09%), mentre si fa leggermente più interessante Londra (FTSE 100), che guadagna lo 0,83%. Piazza Affari si concentra soprattutto sulla lettera arrivata da Bruxelles stamattina, in relazione al alla legge di bilancio che l’Italia ha trasmesso alla Commissione Ue a metà ottobre.

Cosa chiede l’Europa?

Lo spettro di una sonora bocciatura delle previsioni di bilancio, come accaduto l’anno scorso sotto il primo governo Conte, spaventa ancora. Invece stamattina lo stesso presidente del Consiglio ha rassicurato i mercati: non c’è da preoccuparsi. A firmare la lettera sono stati il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis e il commissario per gli affari economici e finanziari Pierre Moscovici: si tratta degli ultimi atti da funzionari della vecchia Commissione, in attesa dell’insediamento rispettivamente di Frans Timmermans e Margrethe Vestager alla vice presidenza e Paolo Gentiloni agli affari economici.

Stando alle dichiarazioni dello stesso Moscovici, intervenuto a margine della plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo, la Commissione chiede semplicemente ulteriori chiarimenti per verificare se, al netto delle misure previste dalla legge di bilancio, l’Italia sia in grado di mantenere gli obblighi assunti in sede europea. Il ministero dell’Economia e Finanza ha tempo fino a domani per rispondere.

Le perplessità dell’Unione Europea vertono per lo più sulla flessibilità che il governo italiano ha intenzione di ritagliarsi per il 2020. L’Ue vuole infatti evitare una “deviazione significativa” da quanto raccomandato negli anni precedenti. L’aumento della spesa pubblica non sarebbe infatti in linea con la raccomandazione del Consiglio del 9 luglio 2019, e l’intera bozza di bilancio implicherebbe un peggioramento dello 0,1% del Pil nazionale. Una certa flessibilità è garantita solo in considerazione di eventi straordinari.

Moscovici ha comunque chiarito il tono pacifico della lettera, a differenza di quanto avvenuto l’anno scorso, quando l’Italia ha dovuto rivedere di molto al ribasso la propria proposta di deficit/PIL del 2,4%.

Come hanno reagito le quotazioni dell’Indice FTSE Mib?

Si tratta dunque di una semplice richiesta di chiarimenti: la cartina al tornasole è lo spread Btp/Bund, che scende a 138 punti, registrando una variazione del 3,16% (ultima chiusura a 142 punti).

Spiccano DiaSorin SpA(+2,17%), Recordati SpA(+1,31%), Poste Italiane SpA (+1,16%) e Banca Popolare dell'Emilia Romagna SCRL (+1,1%), che si inserisce nella scia positiva del comparto bancario a Piazza Affari. Già UniCredit SpA - RNC fa da locomotiva del settore, con +16% dal 10 ottobre. Si fa dunque sempre più grande l’attesa per la pubblicazione dei dati trimestrali:

  • Intesa San paolo: 5 novembre;
  • Poste Italiane: 5 novembre;
  • Banco Bpm: 6 novembre:
  • Generali: 7 novembre;
  • Unicredit: 7 novembre;
  • Mediaset: 12 novembre;
  • Enel: 12 novembre.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trading sulla Brexit

Scopri come l'uscita del Regno Unito dall'UE continua a influenzare l'operatività dei trader e scopri:

  • Le opportunità in caso di ‘hard’ e ‘soft’ Brexit
  • I mercati da monitorare
  • I cambiamenti che sono avvenuti fino ad ora

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.