Yen in calo sull'ottimismo di un accordo Usa-Cina. Calendario economico ricco

USD/JPY sui massimi da dicembre; prese di profitto sulle borse asiatiche dopo i rialzi di ieri. Mercati più propensi al rischio. Tra gli eventi in agenda, indice manifatturiero cinese, Pil Usa e testimonianza Jerome Powell (Fed).

Fonte: Bloomberg

Yen sui minimi da inizio anno contro dollaro, sul rinnovato ottimismo che un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina ci sarà. Cresce dunque l’appetito per il rischio sul mercato, che tuttavia ha reagito con prese di profitto sui listini asiatici, dopo aver toccato ieri i massimi da cinque mesi.

Tokyo ha chiuso in calo dello 0,37%; Hong Kong si è lasciata indietro lo 0,6%; Sidney, strettamente legata alla Cina per il mercato delle commodities ha perso lo 0,95%. Si conferma positivo invece il listino di Shanghai, salito ulteriormente dello 0,77%, dopo aver toccato ieri un rialzo superiore al +5%.

La divisa giapponese, tra gli asset rifugio acquistati in periodi di incertezza, è tornata a testare area 111 nel rapporto USD/JPY, dopo essere scesa a 111,24 yen durante la sessione precedente, ad un minimo dal 27 dicembre.

Dollaro in rafforzamento: agenda densa di eventi

Nella giornata di lunedì il dollaro americano si è apprezzato di oltre lo 0,3% rispetto allo yen dopo che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha annunciato di voler ritardare (a data da definirsi) l'aumento delle tariffe su $200 miliardi di merci cinesi previsto per il 1° marzo. Il Tycoon programmerà un incontro con il presidente cinese Xi Jinping in estate, a Mar-a-Lago, Florida, per concludere un accordo, assumendo che i negoziati commerciali facciano ulteriori progressi. Intanto, si prepara ad incontrare il numero uno della Corea del Nord, Kim Jong Un, ad Hanoi, Vietnam.

In una settimana ricca di eventi, l’attenzione degli operatori si divide su più fronti: tra gli appuntamenti caldi si annoverano i numeri sull'attività manifatturiera dalla Cina, la stima sull’indice Caixin del Dragone, la testimonianza del presidente della Fed, Jerome Powell, e il dato sul prodotto interno lordo statunitense, dopo il mancato annuncio dello scorso mese a causa dello shutdown.

Il Governatore della Federal Reserve testimonierà dinanzi al comitato bancario del Senato. Tra le parole di Powell gli operatori cercheranno di captare come l’istituto centrale intenderà agire in termini di politica monetaria, dopo aver annunciato una linea “paziente” per quanto concerne il futuro rialzo dei tassi d’interesse. Secondo indiscrezioni, Powell potrebbe annunciare un cambio dei riferimenti per il calcolo del tasso d'inflazione.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Dati di mercato

  • Forex
  • Azioni
  • Indici
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
Vendi
Compra
Variazione
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-
-

I prezzi sopra indicati sono soggetti ai nostri termini e condizioni del sito. I prezzi sono solo indicativi.

Potrebbero interessarti anche…

La trasparenza è da sempre una nostra prerogativa

Scopri perché siamo un broker leader nel trading online

I CFD sono una modalità operativa, più flessibile e vantaggiosa per fare trading

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 75% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. Le opzioni e i certificati turbo sono strumenti complessi che potrebbero generare rapidamente delle perdite. Il vostro capitale è a rischio. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.