Super dollaro in attesa del Pil Usa

Il biglietto verde riprende la corsa in vista dei dati sul Pil statunitense di questo pomeriggio e del balzo dei rendimenti dei Treasury.

bg_us_dollar_USD
Fonte: Bloomberg

 

 

 

Riprende la corsa il biglietto verde dopo la pausa dell'ultima settimana dettata dalle parole di Trump. Gli acquisti sulla divisa statunitense stamane sono significativi e potrebbero essere alimentati da due driver:

 

 

  1. l'attesa del dato sul Pil Usa del 2° trimestre, le cui aspettative sono per una crescita superiore al 4% (la migliore performance dal 3 trimestre del 2014);
  2. il balzo dei rendimenti sui Treasury, dopo che nell'ultima settimana si sono susseguite voci di un possibile cambio di rotta della BoJ e in attesa del rialzo dei tassi della BoE e della riunione Fed.

Così, l'effetto Trump, che la scorsa settimana aveva criticato come il ritmo di rialzo dei tassi della Fed stesse rafforzando troppo la divisa americana, sembra essersi smorzato in attesa di questi eventi importanti.

Il cambio EUR/USD si sta spingendo nuovamente verso l'1,16 basso, dopo il doppio test a 1,1740-1,1750 delle ultime sedute. Il primo supporto rimane su 1,1580, al di sotto del quale rimane molto probabile una prosecuzione della discesa verso 1,1500. Solo un dato del Pil sotto al 4% potrebbe smorzare temporaneamente un po' questa forza, in attesa delle Banche centrali.

Proprio dalle Banche centrali sta arrivando la spinta ai rendimenti sui Treasury. Dopo la riunione di ieri della Bce, dove Draghi è apparso moderatamente ottimista, la parola passa ora ai suoi pari della BoJ, Fed e BoE. L'impressione è che tutte di concerto faranno leva sul miglioramento dell'economia per giustificare il cambiamento del linguaggio verso un approccio meno accomodante.

Il rendimento del Tnote a 10 anni è salito ormai al ridosso del 3%, livello abbandonato un mese e mezzo fa. Un aspetto questo che potrebbe far apprezzare ancora il biglietto verde.

Il Dollar Index si sta avvicinando alla soglia di 95 punti, importante resistenza oltre la quale andrebbe ad aggiornare i massimi da oltre un anno.

Inizia a fare trading

Apri un conto e riceverai i segnali di trading dei nostri esperti.

Queste informazioni sono state preparate da IG Markets Limited e IG Europe GmbH (di seguito "IG"). Oltre alla liberatoria riportata di seguito, il materiale presente in questa pagina non contiene uno storico dei nostri prezzi di trading, né alcuna offerta o incentivo a operare nell’ambito di qualsiasi strumento finanziario. IG declina ogni responsabilità per l’uso che potrà essere fatto di tali commenti e per le conseguenze che ne potrebbero derivare. Non forniamo nessuna dichiarazione o garanzia in merito all’accuratezza o la completezza delle presenti informazioni, di conseguenza, chiunque agisca in base ad esse, lo fa interamente a proprio rischio e pericolo. Eventuali ricerche fornite non intendono rispondere alle esigenze o agli obiettivi di investimento di un soggetto in particolare e non sono state condotte in base ai requisiti legali previsti per una ricerca finanziaria indipendente e, pertanto, devono essere considerate come una comunicazione di ambito marketing. Anche se non siamo sottoposti ad alcuna limitazione specifica rispetto alla negoziazione sulla base delle nostre stesse raccomandazioni, non cerchiamo di trarne vantaggio prima che queste vengano fornite ai nostri clienti. Vi invitiamo a prendere visione della liberatoria completa sulle nostre ricerche non indipendenti e del riassunto trimestrale.

Trova articoli per analista

I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 81% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading con IG. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita. I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva.